Contributo degli Emirati per ospedale Bambino Gesù del Cairo

Sostegno da Abu Dhabi per futuro nosocomio pediatrico

27 ottobre, 17:37

(ANSAmed) - IL CAIRO, 27 OTT - Gli Emirati arabi uniti (EAU) hanno elargito un contributo per la costruzione dell'ospedale "Bambino Gesù del Cairo", un nosocomio che nella nuova capitale amministrativa egiziana curerà bambini affetti da malattie genetiche rare e assisterà donne in gravidanza. Lo ha segnalato ad ANSAmed Biagio Maimone, direttore dell'ufficio stampa dell'Associazione Bambino Gesù del Cairo ONLUS, di cui è Presidente Monsignor Gaid Yoannis, già Segretario personale di Sua Santità Papa Francesco.

La donazione che consiste nell'offrire al nuovo Ospedale il disegno ingegneristico, elaborato dalla Società malese ConsultantHSS, è stata fatta "grazie al sostegno di Sua Altezza lo sceicco Mohamed bin Zayed Al Nahyan", Presidente degli EAU, ha precisato Maimone riassumendo informazioni circolate la settimana scorsa.

Il Bambino Gesù del Cairo, che farà riferimento all'omonimo ospedale romano della Santa Sede, è tra i progetti dell'appena creata Fondazione della Fratellanza Umana, il cui presidente è Monsignor Gaid.

Il contributo è stato elargito attraverso il Ministero delle Possibilità emiratino "in collaborazione con la Fondazione Umanitaria DIHAD, la società nazionale Index e il CHSS malese".

Il 3 ottobre era stata inaugurata la Fondazione della Fratellanza Umana e posata la prima pietra dell'Ospedale Bambino Gesù del Cairo, presso l'ambasciata italiana al Cairo. "Sua Santità Papa Francesco ha benedetto la Fondazione della Fratellanza Umana e i suoi progetti in Egitto e ha espresso la sua gratitudine al Presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi per il sostegno offerto a questo progetto umanitario, incoraggiando la Fondazione a continuare a trasformare il concetto della fratellanza umana in iniziative concrete a favore dei fratelli bisognosi, ammalati, scartati ed emarginati", ha ricordato Monsignor Gaid.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati