Turismo: 'non solo spiagge, la Grecia ha anche l'inverno'

Intervista con Angela Gerekou, presidente Ente turismo ellenico

24 novembre, 15:12

Angela Gerekou, presidente del Gnto Angela Gerekou, presidente del Gnto

(di Patrizio Nissirio) (ANSAmed) - ATENE, 24 NOV - "La strategia della Grecia è espandere le destinazioni da visitare in tutto il paese e incoraggiare i turisti a esplorare la Grecia non solo in estate, ma anche in inverno. Perché anche la Grecia ha un inverno": lo dice ad ANSAmed Angela Gerekou, presidente del Gnto, l'Ente Nazionale del Turismo ellenico.

Per Gerekou, "questo è anche il modo migliore per affrontare il turismo estivo. Nelle nostre nuove campagne mettiamo in chiaro che la Grecia non è solo sole e spiaggia, e non solo le sue isole. Abbiamo anche bellissime spiagge nel nord della Grecia e nella Grecia occidentale, che nessuno conosce. Quindi al Gnto il nostro obiettivo principale è promuovere aree poco conosciute.

C'è molta bellezza da trovare in Grecia, non importa dove ti trovi nel paese. La Grecia può essere sempre di stagione".

E l'anno in corso si avvia a concludersi con una nota positiva superando il 2019 pre-pandemia, sottolinea la presidente, perché "abbiamo ancora turismo fino a dicembre! Il turismo greco si avvia verso un anno eccellente, sostenendo le entrate pubbliche, nonostante le pressioni inflazionistiche a livello mondiale e il contesto di forte incertezza emerso a seguito della crisi energetica. Inoltre, la Grecia stabilisce un nuovo record per il turismo di ottobre/novembre/dicembre. I ricavi per il 2022 hanno già superato i 18,2 miliardi di euro generati nel 2019. Al momento, la Grecia dovrebbe aver guadagnato circa diciannove miliardi di euro per l'anno in corso. E ci sono sempre moltissimi italiani".

Gerekou illustra poi le priorità del Gnto per l'immediato futuro, il 2023 in particolare: "Per la Grecia, la nostra produzione primaria e il nostro patrimonio culturale sono enormi 'fondi nazionali', che rafforzano e arricchiscono anche l'economia dell'ospitalità. Al Ministero del Turismo e al Gnto diamo particolare enfasi alla combinazione di ospitalità greca, cibo e cultura nel modo più organico possibile. Evidenziare questo trittico è per noi una priorità.

In questo contesto, lo scorso aprile, di mia iniziativa, abbiamo organizzato il "1° Simposio Grecia il Paese di Ef Zin: l'economia sostenibile dell'ospitalità in connessione con la dieta e la cultura greca". L'intero paese offre una grande varietà di esperienze, che rafforzano e ringiovaniscono il corpo, lo spirito e l'anima del visitatore. Ef Zin (che significa essenzialmente benessere fisico e spirituale, ndr) è l'antica filosofia greca e il modo di vivere che potenzia corpo, mente e anima. Tradotto nei bisogni dell'uomo moderno, Ef Zin è la buona alimentazione - la dieta greca mediterranea - esercizio fisico a contatto con la natura, ringiovanimento in mare e nelle nostre sorgenti termali, coltivazione e potenziamento dello spirito, pensieri positivi, rispetto reciproco , rispetto per l'ambiente e per le generazioni future".

E tra le attrazioni del 2023, oltre eventi classici come il festival di Atene ed Epidauro c'è di certo Eleusi (in greco chiamata Elefsina) Capitale europea della cultura (https://2023eleusis.eu/), che "la sta trasformando in una nuova destinazione turistica. Si prevede che un grande volume di visitatori e artisti da tutta Europa inonderà la storica città dell'Attica occidentale l'anno prossimo. Eleusi, una delle cinque città sacre dell'antichità, possiede una rara ricchezza archeologica. Il tempio di Demetra e Persefone, l'ingresso degli Inferi al Plutonio, le Cariatidi dei Propilei e le solide mura creano uno dei siti archeologici più notevoli della Grecia".

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati