Albania: osservatori, preoccupa la compravendita di voti

Scrutinate schede metà seggi, premier Rama in vantaggio

26 aprile, 17:19

(ANSAmed) - TIRANA, 26 APR - Le elezioni parlamentari albanesi sono state caratterizzate da una campagna vivace e inclusiva, ma d'altra parte le autorità hanno abusato delle loro cariche pubbliche mentre preoccupa il fenomeno della compravendita del voto: è quanto dichiarato oggi a Tirana dalla missione di osservazione congiunta dell'Ufficio Osce per le istituzioni democratiche e i diritti umani (Odihr), l'Assemblea parlamentare dell'Osce e l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.

"Dopo i numerosi conflitti politici in Albania negli ultimi tempi, è incoraggiante vedere che la fiducia nel processo elettorale si sta lentamente ricostruendo", ha affermato Urszula Gacek, a capo della missione limitata di osservazione elettorale dell'Odihr. "Tutti i partiti hanno partecipato e gli elettori si sono presentati in numero maggiore a votare. È deplorevole che persistano irregolarità come l'abuso d'ufficio e casi di acquisto di voti", ha sottolineato.

Secondo la missione di osservazione "nonostante un quadro giuridico ben sviluppato per fermare l'uso improprio delle risorse statali, molti personaggi pubblici hanno continuato a fare campagne durante i loro compiti ufficiali. Questo, insieme al lancio di diversi grandi progetti infrastrutturali governativi nel periodo precedente le elezioni, ha dato al partito al governo un vantaggio considerevole".

Mentre rimangono ancora da contare le schede della metà dei seggi, il partito socialista del premier Edi Rama è in vantaggio e fino adesso avrebbe ottenuto almeno 75 seggi dei 140 di cui è composto il parlamento, riconfermandosi per un terzo mandato.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo