Edi Rama a Otranto, con Puglia grandi potenzialità cooperazione

Premier su accoglienza afghani, oggi è il momento per ricambiare

04 settembre, 08:06

Il premier albanese Edi Rama con il sindaco di Otranto Pierpaolo Cariddi (Foto cortesia di Pierpaolo Schiavone) Il premier albanese Edi Rama con il sindaco di Otranto Pierpaolo Cariddi (Foto cortesia di Pierpaolo Schiavone)

(ANSAmed) - OTRANTO, 03 SET - «E' un giorno importante per la nostra memoria. Per i nostri ricordi, un giorno di gratitudine per l'Italia e La Puglia che aprì le porte agli albanesi. È un giorno per parlarci da amici, su un percorso comune perché c'è un potenziale molto importante»: lo ha dichiarato il premier albanese Edi Rama, oggi a Otranto, al margine del Festival dei giornalisti del Mediterraneo, dove ha ricordato l'accoglienza che la Puglia riservò agli albanesi, di fronte al monumento L'Approdo, opera dello scultore greco Costas Varotsos che ricorda la tragedia della Kater I Rades, in cui nel 1997 morirono 57 persone.

Rama, che è stato accolto a Brindisi dal presidente della Regione Michele Emiliano, e ad Otranto dal sindaco Pierpaolo Cariddi (insieme hanno quindi partecipato alla cerimonia al porto), volge lo sguardo ai migranti di oggi: «Fummo aiutati dai pugliesi e dagli italiani e ora è il momento di ricambiare, quindi daremo una mano a un notevole numero di profughi afghani, più di tanti paesi ricchi europei. Dobbiamo dare, perché nella vita c'è un momento per prendere e uno per dare. È importante coltivare un senso di umanità che si sta perdendo. Anche nell'Unione Europea".

« I nostri amici pugliesi ci hanno dato grande disponibilità.

C'è un potenziale importante di cooperazione, per esempio con le università pugliesi che potrebbero dare l'opportunità ai nostri studenti di studiare in Albania senza sradicarsi. Un altro tema comune è la lotta contro gli incendi» Per il presidente della regione Puglia Emiliano, che insieme a Rama ha incontrato diversi rettori di università pugliesi, «è un nostro motivo di orgoglio avere questo affetto e questa amicizia con il popolo albanese, che testimonia un lungo lavoro per costruire relazioni. Noi siamo amici senza se e senza ma e siamo a disposizione degli amici albanesi» per cooperare nel campo dell'istruzione universitaria e nello sviluppare un mercato turistico comune. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo