Algeria: ministero impone l'identificazione dei capi-corteo

Una misura per arginare le proteste anti-sistema

10 maggio, 12:09

(ANSAmed) - IL CAIRO, 10 MAG - Il ministero dell'Interno algerino ha annunciato che gli organizzatori di cortei sono tenuti a dichiarare alle autorità i loro nomi e gli orari di inizio delle manifestazioni e ha avvertito che il mancato rispetto di queste procedure "priva il corteo di qualsiasi carattere legale". Lo riferisce da ieri il sito riferendosi a una mossa apparentemente mirata ad arginare le manifestazioni di massa settimanali che nel 2019 hanno contribuirono a far cadere il presidente Abdelaziz Bouteflika e poi hanno continuato a chiedere un'epurazione più completa dell'élite al potere.

"È stato recentemente osservato che le marce settimanali iniziano a registrare gravi slittamenti e derive in termini di indifferenza per i disagi arrecati ai cittadini e attacchi alle libertà dovuti ai singoli che cambiano, in qualsiasi momento, il percorso" del corteo, si legge nel comunicato.

Migliaia di persone hanno marciato in Algeria ogni venerdì da febbraio dopo una pausa di quasi un anno durante la quale le proteste erano state interrotte a causa della pandemia Covid-19.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo