A.Saudita: rilasciato giovane sciita in carcere da 9 anni

Ali Nimr è nipote di Nimr Nimr, giustiziato da Riad nel 2016

28 ottobre, 17:30

(ANSAmed) - ROMA, 28 OTT - Le autorità saudite hanno rimesso in libertà dopo 9 anni un giovane cittadino saudita sciita arrestato quando era ancora un minore nell'ambito della repressione governativa da parte del regno petrolifero sunnita nei confronti dell'attivismo politico sciita.

Ali Nimr, arrestato nel 2012 quando aveva 16 anni, è il nipote di Nimr Nimr, esponente di spicco di una delle più importanti figure dello sciismo in Arabia Saudita e giustiziato dalle autorità saudite nel 2016 dopo esser stato arrestato con l'accusa di spionaggio nei confronti dell'Iran. La repressione saudita contro esponenti della comunità sciita locale, della regione orientale di Qatif, si inserisce nell'aspra rivalità tra Riad e la Repubblica islamica.

Nelle ultime settimane l'Arabia Saudita e l'Iran hanno avviato in Iraq una serie di colloqui politici di medio livello nel tentativo di riallacciare i rapporti diplomatici interrotti da anni, proprio in seguito all'affare legato alla sentenza contro Nimr Nimr. Suo nipote Ali Nimr era stato condannato inizialmente alla pena di morte. Ma a febbraio scorso la pena era stata ridotta a 10 anni di carcere. La notizia del suo rilascio, diffusa nelle ultime ore, può essere legata secondo analisti locali ai tentativi di Riad di compiere dei "gesti di buona volontà" nei confronti dell'Iran. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo