Turchia-Egitto, il grande disgelo nel Mediterraneo

Primo vertice governativo da 8 anni, Erdogan a caccia di alleati

06 maggio, 10:23

(di Cristoforo Spinella) (ANSAmed) - ISTANBUL, 06 MAG - Per quasi un decennio, sono stati i grandi nemici sulla sponda sud del Mediterraneo. Tra accuse di "golpismo" e "terrorismo", Turchia ed Egitto si sono schierati su fronti opposti nel riassetto seguito alle Primavere arabe: da un lato il sostegno di Recep Tayyip Erdogan ai Fratelli musulmani dopo la destituzione nel 2013 del presidente Mohammed Morsi, dall'altro il pugno di ferro di Abdel Fattah al-Sisi contro l'islam politico. Una divergenza di interessi che ha portato i due giganti a scontrarsi nelle maggiori sfide regionali, dalla Libia alle risorse energetiche. Ora, tra affanni dell'economia post-Covid e ricerca di nuove alleanze, Ankara e Il Cairo tornano a incontrarsi, aprendo a una possibile svolta geopolitica.

In Egitto è arrivata la prima delegazione governativa turca per "discussioni esplorative" che "si concentreranno sui passi necessari che possono portare alla normalizzazione delle relazioni tra i due Paesi a livello bilaterale e nel contesto regionale". Una missione condotta a livello di viceministri degli Esteri, che potrebbe tradursi in un prossimo faccia a faccia tra i numeri uno della diplomazia, cui il turco Mevlut Cavusoglu si è già detto disponibile.

A preparare il terreno a queste "consultazioni politiche" è stata negli ultimi mesi una serie di mani tese. Gesti pubblici e dietro le quinte, dalla ripresa a marzo dei contatti diplomatici alla sempre maggiore pressione sui media egiziani in esilio a Istanbul: un paio di anchorman tra i più seguiti si sono fatti da parte, accettando il cambio di rotta senza troppe proteste, vista l'alternativa del carcere che li attenderebbe in patria, dove sono considerati "terroristi" come sostenitori della Fratellanza musulmana, bandita in Egitto dal 2013.

Sul tavolo del disgelo, oltre ai rapporti bilaterali, ci sono le possibili ripercussioni sugli equilibri regionali. A partire dalla Libia, dove Ankara e Il Cairo sono stati tra i maggiori sponsor militari delle parti in conflitto, ma ora si dicono pronti a sostenere il cessate il fuoco necessario alla ricostruzione. E poi c'è la partita del Mediterraneo orientale, in cui Erdogan ha fatto la voce grossa con le contestate esplorazioni energetiche, ritrovandosi però isolato contro un fronte vasto che va da Grecia e Cipro, con l'appoggio dell'Ue, a Egitto, Emirati e Israele.

Dalla pace col Cairo passa anche la cruciale distensione con i Paesi arabi del Golfo, compresa l'Arabia Saudita. Messo da parte lo scontro sull'uccisione del reporter Jamal Khashoggi, anche in questo caso Erdogan - che proprio ieri ha sentito il re Salman - punta dritto a una nuova stagione. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo