Regeni abbraccia Zaki in murales davanti ambasciata d'Egitto

'Ci siamo quasi' dice ricercatore italiano ucciso nel 2016

09 dicembre, 16:07

(ANSAmed) - ROMA, 9 DIC - Giulio Regeni abbraccia Patrick Zaki in un nuovo murales della street artist Laika comparso ieri mattina nei pressi di Villa Ada, a Roma, dove c'è la sede dell'ambasciata d'Egitto in Italia. Nel poster, con lo sfondo di una luce che rompe il buio di un tunnel, il ricercatore italiano ucciso in Egitto nel 2016 cinge la vita di Zaki dicendogli: "Ci siamo quasi". Lo studente risponde: "Stringimi ancora". A chiudere l'opera la scritta, in arabo, "Innocente".(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati