Mediterraneo: al via progetto di formazione su ambiente e cinema

Progetto italo-tunisino per rafforzare coscienza in registi

21 gennaio, 11:48

TUNISI - Sono iniziate a Tunisi con il ciclo "Giovani registi di cinema, scrittura, ambiente" le attività del progetto "Scenari verdi - rafforzamento delle capacità dei giovani nell'audiovisivo per una coscienza ecologica", un programma di formazione che coniuga cinema e attenzione per le tematiche ambientali concepito da da Association Kaif (Tunisia), Fédération tunisienne des cinéastes amateurs (Tunisia) e Centro di Creazione e Cultura (già Associazione Fabrica Europa).
La prima delle due formazioni è stata lanciata e animata da Lorenzo Ci il 15 gennaio scorso, spiega ad ANSAmed Valeria Meneghelli di Association Kaif, aggiungendo che il programma si compone di 6 master class condotte da esperti italiani e tunisini destinate ad un gruppo di dodici membri della Ftca che hanno già avuto un'esperienza nella realizzazione di film. La seconda formazione, diretta invece a dodici associati della Ftca con meno esperienza nel campo del cinema, partirà a febbraio e continuerà in parallelo con le master class.
I membri dei due gruppi saranno inoltre parte di un percorso di creazione in tandem (ove lavoreranno in coppie), fino all'estate 2022, per produrre dei cortometraggi sulle tematiche ambientali contemporanee. Il progetto fa parte del programma J-Med, sostenuto dal governo del principato di Monaco per la gioventù dei Paesi del Mediterraneo e il ministero francese dell'Europa e degli Esteri, con il sostegno di Illis.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati