Kosovo: presidente, esclusa una Comunità dei serbi

Osmani, no a 'bosnizzazione' del Paese. Ue prema su Belgrado

11 febbraio, 12:50

(ANSAmed) - BELGRADO, 11 FEB - Nuovo fermo 'no' di Pristina alla creazione di una Comunità delle municipalità serbe in Kosovo, organismo previsto dagli accordi firmati nel 2013 a Bruxelles nell'ambito del dialogo con Belgrado con la mediazione Ue.

"Non si può accettare un modello che potrebbe portarci alla 'bosnizzazione' del Kosovo", ha detto la presidente Vjosa Osmani, con riferimento alla Republika Srpska, l'entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina. Si tratta, ha osservato in dichiarazioni alla tv locale Rtk riprese dai media a Belgrado, di un documento dannoso per la sovranità e il funzionamento delle istituzioni del Kosovo, un modello che porta alla divisione del Paese. Ribandendo le accuse a Belgrado di mancato rispetto degli accordi raggiunti finora nell'ambito del dialogo, Osmani ha affermato che la Ue non ha un approccio bilanciato e paritario con le due parti impegnate nel negoziato, e tratta Belgrado come un "bambino viziato". "La Ue deve esercitare pressione sulla Serbia per indurla a rispettare gli accordi", ha detto la presidente, secondo cui il dialogo dovrà concludersi con il reciproco riconoscimento fra Pristina e Belgrado.

A Osmani ha replicato prontamente Petar Petkovic, capo dell'Ufficio governativo serbo per il Kosovo, che ha definito "assurde" le accuse di Pristina, e ha rigettato sulla dirigenza kosovara la responsabilità del mancato rispetto degli accordi e del conseguente stallo nel dialogo. Gli accordi del 2013, che prevedono la Comunità delle municipalità serbe, non sono un menu a la carte dal quale si può prendere solo ciò che si desidera scartando il resto - ha affermato Petkovic. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati