Kuwait: governo presenta dimissioni, terza crisi in un anno

Sale la tensione politica nell'emirato petrolifero del Golfo

05 aprile, 18:02

(ANSAmed) - BEIRUT, 5 APR - Il governo del Kuwait, ricco emirato petrolifero del Golfo, ha presentato oggi le dimissioni acuendo lo scontro politico e istituzionale all'interno di un paese chiave nella regione, stretto tra Arabia Saudita, Iran e Iraq. L'agenzia nazionale di notizie Kuna ha riferito oggi che il premier Sabah al Khalid, membro della famiglia regnante Sabah, ha presentato le dimissioni dell'esecutivo, in carica solo da tre mesi. Si tratta della terza crisi di governo in un anno in Kuwait, paese sempre più esposto ai contrasti in seno al Parlamento tra deputati vicini alla famiglia regnante e deputati cosiddetti riformisti.

Analisti locali affermano che in realtà le divisioni interne al Parlamento riflettono faide intestine alla stessa famiglia regnante e non riguardano necessariamente la contrapposizione tra "riformisti" e "conservatori". Il potere nel paese è gestito di fatto dal principe ereditario Shaykh Meshaal Ahmad Sabah, che ha preso il posto dell'emiro regnante, Nawaf Ahmad Jaber Sabah.

Le dimissioni sono state presentate alla vigilia di un atteso voto di sfiducia richiesto da una parte dei deputati contro il premier e il suo governo, accusati di "corruzione". Il Kuwait non ammette la creazione di partiti politici ma rispetto ad altri paesi arabi del Golfo ha un Parlamento estremamente attivo e dinamico, capace di mettere in discussione le scelte dell'emiro e del governo.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati