Libia: 742 corpi di terroristi Isis marciscono in container

Blackout interrompono la refrigerazione vicino a Misurata

14 gennaio, 17:10

(ANSAmed) - IL CAIRO, 14 GEN - Centinaia di corpi di terroristi del sedicente Stato islamico uccisi in battaglia anni fa stanno marcendo in container refrigerati per alimentari a sud-est di Misurata, in Libia, mentre le autorità devono decidere cosa farne: un macabro monito del disordine a cui avrebbero dovuto porre fine le elezioni saltate il mese scorso.

Lo riferisce il sito dell'agenzia Reuters precisando che si tratta di 742 salme raccolte nel 2016 da campi di battaglia e "sepolture informali".

I cadaveri hanno iniziato a decomporsi a causa di blackout che interrompono l'alimentazione elettrica dei container refrigerati: "Le interruzioni di corrente per lunghi periodi peggiorano la situazione" e "il cattivo odore", ha detto Salah Ahmed dell'unità di polizia che gestisce il complesso. Anche i corpi dei combattenti identificati da documenti o da ex commilitoni sono stati abbandonati da Paesi stranieri o familiari, lasciando al governo di Tripoli il compito di sbarazzarsene, segnala l'agenzia. Un piano che assegnava un cimitero di Sirte, città che l'Isis aveva conquistato nel 2015 e controllato per oltre un anno, è saltato per uno spostamento delle linee del fronte di una delle guerre civili libiche.

Un altro progetto, che prevedeva di seppellire i terroristi islamici in un cimitero originariamente dedicato ai migranti morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l'Europa, è stato cancellato perché il sito non è abbastanza grande. La polizia che gestisce il complesso afferma che il governo ad interim ha assegnato un budget per seppellire presto i corpi ma non sono stati annunciati né una data né un luogo, conclude la Reuters. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo