Compagnia petrolio Libia ha perso 3 mld dollari, chiusi terminali

'Stato forza maggiore' dichiarato per Sidra, Ras Lanuf e El-Feel

01 luglio, 13:11

TUNISI - La Compagnia petrolifera libica (Noc), ha dichiarato lo stato di "forza maggiore" nei giacimenti petroliferi di Sidra, Ras Lanuf ed El-Feel a causa delle chiusure che hanno causato una perdita di 3 miliardi di dollari (16 miliardi di dinari libici). "Siamo costretti a dichiarare lo stato di forza maggiore sui terminali di Asidra e Ras Lanuf, oltre al campo di Al-Feel, con il proseguimento dello stato di forza maggiore sui terminali di Brega e Zueitina", scrive in una nota il presidente della Noc, Mustafa Sanalla, precisando "la nostra pazienza è esaurita dopo che abbiamo ripetutamente cercato di evitare di dichiarare lo stato di forza maggiore, ma l'adempimento dei nostri obblighi è diventato impossibile".

La Noc ha dichiarato di non essere più in grado di "alimentare le centrali elettriche di Zuetina, North Bengasi e Sarir con il loro fabbisogno di gas naturale, a causa del collegamento tra la produzione di greggio e il gas dei giacimenti delle società Waha e Mellitah, che hanno portato a una carenza di fornitura di gas naturale al gasdotto costiero".

Secondo la Noc, la produzione di petrolio libica è "diminuita ed è diminuita drasticamente", poiché le esportazioni giornaliere sono passate da 365 a 409 mila barili al giorno, con una diminuzione di 865.000 barili al giorno rispetto ai normali tassi di produzione in circostanze normali, oltre alla perdita di 90 milioni di piedi cubi al giorno di gas del campo Fareg.

Sanalla ha attribuito questi risultati alla chiusura forzata della produzione, alle controversie politiche tra le parti rivali del Paese e al "rifiuto della Banca Centrale e del Ministero delle Finanze di monetizzare gli stanziamenti in dollari USA". Il presidente della NOC ha anche criticato per nome il ministro del Petrolio Mohamed Aoun, che presta servizio nel governo di Abdul Hamid Dbeibah, accusandolo di "ingannare l'opinione pubblica" e di "manipolare i fatti".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati