Libia: sen. Pacifico, 'limitare azioni malevoli straniere'

04 luglio, 12:27

(ANSAmed) - ROMA, 04 LUG - "La storia del mondo arabo moderno, dalle cosiddette Primavere Arabe del 2011, ci insegna che dietro ad apparenti insurrezioni popolari si può celare ben altro. Sfortunatamente, le interferenze straniere in Libia hanno raggiunto una tale portata per cui la nuova ondata di violenza, caratterizzata da atti vandalici e devastazione a cui abbiamo assistito nelle scorse ore, rappresentano un campanello d'allarme per l'Europa ed in particolare per il nostro Paese".

Così in una nota, la senatrice Marinella Pacifico (Coraggio Italia, Gruppo Misto), componente Esteri, segretario del Comitato Parlamentare Schengen, Europol ed Immigrazione, commentando gli ultimi sviluppi in Libia.

"Concordo - prosegue Pacifico - con la Consigliere speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Stephanie Williams, sul fatto che i cittadini libici abbiano il diritto a manifestare pacificamente ed esprimere le proprie richieste.

Tuttavia, alcuni atti di sabotaggio, l'incendio di sedi statali e la manomissione delle risorse del popolo libico rappresentano atti criminali che non si addicono a manifestanti che rivendicano i loro legittimi diritti". "Auspico che l'Italia e i suoi partner internazionali, di concerto con la Missione Onu, agiscano quanto prima per limitare i discorsi d'odio ed eventuali azioni malevole atte a gettare benzina sul fuoco con il rischio di gettare il Paese nel caos. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati