Marocco al voto, rischia il partito filoislamista al governo

Legislative delicate dopo due legislature

08 settembre, 12:35

(ANSAmed) - RABAT, 08 SET - Il Pjd, partito della Giustizia e dello Sviluppo, al potere in Marocco per due legislature consecutive, rischia il tutto per tutto, alle elezioni che chiamano i cittadini al voto, oggi fino alle 19. Unico partito filoislamista di tutto il Maghreb a guidare una coalizione di governo, potrebbe perdere il successo conquistato nel 2011, all'indomani delle primavere arabe, con una campagna populista contro corruzione e dispotismo. Nel 2016 ottenne il secondo clamoroso successo conquistando un terzo dei seggi.

Oggi si presenta indebolito, in un paese provato dalla pandemia, che perde il 7% del pil ed è costretto, fin dalle prime avvisaglie di Covid-19, a seguire misure eccezionali di coprifuoco e chiusure. Il turismo, settore che vale l'8% del Prodotto interno lordo, è in ginocchio, ridotto a un terzo dell'attività abituale e il tasso di povertà è passato dal'1.7 all'11.7% secondo l'istituto marocchino delle statistiche. In questa già delicata situazione, i Pjd si presenta in ordine sparso, guidato dall'ex primo ministro El Otmani che non conta più sull'appoggio di numerosi dei suoi ministri, molti dei quali in posti chiave. Il Marocco, 36 milioni di abitanti, è governato di fatto da re Mohammed VI che decide sulle questioni strategiche, quali energia e industria, a prescindere dal risultato elettorale. Il partito liberale di centro destra, Rni, è dato per favorito, anche se per governare dovrà cercare l'accordo con il Pam, partito dell'Autenticità e della Modernità. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo