'Molestie e doni reali', accuse a inviato Israele in Marocco

Lo Stato ebraico lo richiama, a rischio i rapporti tra i Paesi

07 settembre, 13:20

(ANSAmed) - RABAT, 7 SET - Un caso di sospette molestie e irregolarità potrebbe mettere a rischio i delicati rapporti tra Marocco e Israele. Il governo di Gerusalemme ha richiamato David Grovin, capo dell'Ufficio di collegamento a Rabat, perché, secondo fonti stampa israeliane, sarebbe accusato di molestie sessuali e irregolarità finanziarie e amministrative commesse nell'ufficio di Rabat. La vicenda è oggi riportata dai quotidiani marocchini. David Govrin è anche sospettato di non aver denunciato un prezioso dono ricevuto dalla famiglia reale marocchina e di aver consentito a un suo conoscente di organizzare eventi diplomatici quando non ricopre alcun incarico all'interno della famiglia reale marocchina.

Il Ministero degli Esteri israeliano ha confermato di aver aperto un'inchiesta già qualche settimana fa. Nessun commento è arrivato dal diretto interessato né dal governo marocchino. Il caso potrebbe mettere a rischio il nuovo e delicato rapporto tra Israele e Marocco, mediato dall'amministrazione Trump nel dicembre 2020 nell'ambito di un più ampio disgelo diplomatico di quell'anno tra Israele e alcuni Paesi arabi. Gli accordi di normalizzazione hanno rimodellato le alleanze e gli orizzonti politici del Medio Oriente e del Nord Africa.

Prima di essere nominato capo dell'Ufficio di collegamento a Rabat, David Govrin è stato ambasciatore al Cairo nel 2016. Ha anche ricoperto numerosi incarichi all'interno del Ministero degli Affari Esteri, tra cui quello di direttore del dipartimento della Giordania, direttore del Dipartimento di pianificazione politica, e consigliere della delegazione permanente israeliana presso le Nazioni Unite.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati