Cisgiordania: Ong, con Trump +28% di case israeliane

Peace Now, 'aumentano le strade per i coloni'

14 aprile, 11:56

(ANSA) - TEL AVIV, 14 APR - Nel 2020 Israele ha cominciato la costruzione di 2.433 nuove case in Cisgiordania. Lo rivela un Rapporto della ong israeliana Peace Now secondo cui la media annuale dei nuovi alloggi costruiti negli insediamenti sotto la presidenza Trump è del 28% maggiore di quella effettuata durante l'amministrazione Obama.

Per l'ong almeno il 13% delle case (325) è avvenuto in avamposti definiti illegali anche secondo la legge israeliana.

Il Rapporto ha anche sottolineato l'ingente stanziamento di fondi e risorse per lo sviluppo della rete stradale, compresi tunnel e raccordi, nell'intento "di raddoppiare il numero dei coloni nei prossimi decenni in Cisgiordania".

Peace Now ha anche denunciato "le regole per espellere palestinesi dai quartieri arabi di Sheikh Jarrah e Silwan" a Gerusalemme est. In Cisgiordania - secondo i dati - vivono circa 460.000 israeliani in oltre 130 insediamenti. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo