Israele,su morte reporter nessun risvolto penale per soldati

Inchiesta Idf: alta possibilità esercito abbia colpito Abu Akleh

05 settembre, 16:44

(ANSAmed) - TEL AVIV, 5 SET - Nelle circostanze della morte della giornalista palestinese Shireen Abu Akleh, avvenuta a Jenin, in Cisgiordania, durante uno scontro a fuoco, non sono stati rilevati elementi che rendano necessaria l'apertura di un'indagine penale. Lo ha affermato la magistratura militare israeliana. "Dopo un esame approfondito dell'incidente, e sulla base dei suoi risultati - afferma un comunicato -, l'Avvocato generale delle forze armate ha stabilito che malgrado l'esito grave - la morte di Abu Akleh e il ferimento del giornalista Ali Samudy - non c'è alcun sospetto che sia avvenuto un atto penale, tale da necessitare l'apertura di un'indagine".

Le conclusioni della magistratura seguono la diffusione dei risultati dell'indagine dell'esercito stesso (Idf) sulla morte della reporter di Al Jazeera, avvenuta durante scontri armati con miliziani palestinesi a Jenin lo scorso maggio, che afferma che c'è "un'alta possibilità" che Shireen Abu Akleh sia "stata colpita accidentalmente" da spari dall'esercito israeliano, anche se "non è possibile determinare in modo inequivoco la fonte" dei colpi. Nelle conclusioni finali dell'inchiesta dell'esercito, si sottolinea anche che "resta rilevante" la possibilità che la reporter - che aveva cittadinanza Usa - "sia stata colpita da pallottole sparate da palestinesi armati".

L'esercito ha quindi ricordato che "va enfatizzato e chiarito che durante l'intero incidente, il fuoco dei soldati era indirizzato con l'intento di neutralizzare i terroristi che sparavano ai soldati, anche dall'area dove si trovava Shireen Abu Akleh". L'indagine - ha aggiunto l'esercito - è avvenuta con una revisione "delle circostanze" della morte della reporter attraverso una task force, anche tecnica, designata dal Capo di stato maggiore Aviv Kochavi. L'indagine ha investigato "i soldati coinvolti nell'incidente, la cronologia degli eventi, i rumori sul posto, dall'area dell'incidente e in particolare da quella dello sparo. Oltre all'esame di vari risultati forensi e balistici di provenienza dalla scena stessa dell'incidente" e materiale dei media stranieri, video e audio. Parte importante è stata data all'esame della pallottola che ha ucciso la giornalista palestinese. Lo scorso 2 luglio - ha spiegato l'esercito - "è stato condotto un esame balistico in un laboratorio forense alla presenza di rappresentanti professionali" degli Usa e dell'Autorità nazionale palestinese (Anp). Quell'esame ha determinato che "alla luce del cattivo stato fisico del proiettile, l'identificazione della fonte da cui è stato sparato, è difficile". "Pertanto, non è stato nemmeno possibile determinare con l'indagine se il proiettile - ha concluso l'esercito - sia stato sparato o meno da un fucile dell'Idf". L'esercito ha quindi riaffermato le condoglianze per la morte della giornalista.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati