A Lisbona omaggio a Pasolini con reportage sull'Italia del '59

Mostra di immagini organizzata dall'Istituto Italiano di cultura

29 marzo, 13:15

(ANSAmed) - ROMA, 29 MAR - Una mostra di immagini e parole celebra, a Lisbona, Pier Paolo Pasolini a cento anni dalla sua nascita. 'La lunga strada di sabbia', organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura di Lisbona, sotto l'egida dell'Ambasciata d'Italia in Portogallo, in collaborazione con la Sociedade Nacional de Belas Artes e la Festa del Cinema Italiano in Portogallo, curata da Silvia Di Paolo, espone fotografie in bianco e nero di Paolo Di Paolo, video, materiale d'archivio e testi di Pier Paolo Pasolini. Si tratta del materiale utilizzato per un reportage sulle vacanze estive degli italiani pubblicato in tre puntate sul mensile 'Successo' nell'estate del 1959.

Il contesto storico è l'inizio del miracolo economico, quando l'Italia si proponeva di dimenticare le miserie provocate dalla guerra e inseguiva una nuova idea di benessere. Lo scrittore e il fotografo partono dunque per un lungo viaggio in automobile con il progetto di percorrere le coste dell'Italia, dal Tirreno all'Adriatico, da Ventimiglia a Ostia, da Torvaianica alla Sicilia, da Santa Maria di Leuca a Trieste, per documentare il faticoso cammino verso il progresso e le contraddizioni da questo innescato.

"Pasolini cercava un mondo perduto, di fantasmi letterari, un'Italia che non c'era più - ricorda Di Paolo - io cercavo un'Italia che guardava al futuro". Un viaggio alla riscoperta di come eravamo, per confrontare sogni, contraddizioni, illusioni presenti e passate, lungo la perenne strada di sabbia. La mostra rimarrà aperta fino al 16 aprile. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati