Onu, 'giornalista Al Jazeera è stata uccisa da forze israeliane'

Israele, 'nessun soldato l'ha colpita intenzionalmente'

24 giugno, 14:52

GINEVRA - La giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh è stata uccisa da colpi d'arma da fuoco sparati dalle forze di sicurezza israeliane. E' la conclusione di un'inchiesta dell'Onu. La giornalista palestinese-americana, che indossava un giubbotto con la scritta 'Press' e un elmetto, è stata uccisa l'11 maggio scorso mentre seguiva un'operazione dell'esercito israeliano nel campo di Jenin, nel nord della Cisgiordania.

"I colpi che hanno ucciso Abu Akleh e ferito il suo collega Ali Sammoudi provenivano dalle forze di sicurezza israeliane e non dal fuoco indiscriminato di palestinesi armati, come inizialmente affermato dalle autorità israeliane", ha detto ai giornalisti a Ginevra la portavoce dell'Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, Ravina Shamdasani. "È profondamente inquietante che le autorità israeliane non abbiano condotto un'indagine penale", ha proseguito Shamdasani, spiegando che "noi dell'Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite abbiamo concluso il nostro monitoraggio indipendente sull'incidente".

La funzionaria dell'Onu ha aggiunto che le informazioni provengono dall'esercito israeliano e dal procuratore generale palestinese.

La reporter di Al Jazeera, "non è stata colpita in maniera intenzionale da nessun soldato israeliano", ha detto il portavoce militare rispondendo alle conclusioni di un'indagine condotta dalla Commissione dei diritti umani dell'Onu. "Ancora non è possibile determinare se sia stata uccisa da miliziani palestinesi che sparavano indiscriminatamente o inavvertitamente da un soldato israeliano", ha aggiunto. "Il rifiuto palestinese di consegnare il proiettile e di condurre indagini congiunte con gli Usa - ha concluso - la dice lunga sui motivi".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati