Presidente Vucic conferma, l'Europride in Serbia non si farà

'Possono chiamare Biden o Putin, decisione non cambierà'

30 agosto, 13:36

(ANSAmed) - BELGRADO, 30 AGO - Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha confermato oggi la decisione di annullare l'Europride previsto a Belgrado il prossimo 17 settembre. Parlando con i giornalisti, Vucic ha detto di assumersi tutta la responsabilità per una tale decisione, già annunciata nei giorni scorsi e motivata con il difficile momento che attraversa il Paese, con le nuove tensioni in Kosovo e l'emergenza legata alla crisi energetica.

Gli organizzatori della manifestazione a sostegno dei diritti gay avevano subito replicato affermando di voler tenere ugualmente il corteo nella capitale.

"Abbiamo deciso che l'Europride non si farà. Potrà chiamare Biden, potranno chiamare Putin o Erdogan o chi volete - la decisone non cambierà", ha detto il presidente serbo.

Crescono pertanto i timori per un progressivo aumento della tensione e di possibili incidenti nel caso si volesse comunque tenere il corteo Lgbt a metà settembre. Sono tanti i gruppi e le formazioni ultranazionaliste omofobe presenti in Serbia, protagoniste in passato di violenze e scontri in occasione dei Gay Pride.

Critiche al divieto dell'Europride a Belgrado sono giunte dalla Ue e da varie organizzazione attive nella difesa dei diritti umani, mentre soddisfazione è stata espressa dalla Chiesa ortodossa serba, da sempre ostile alla promozione di diritti nei confronti della popolazione omosessuale. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati