Belgrado: estrema destra denuncia premier Brnabic dopo Europride

Per ok a corte corteo, vietato da Tribunale amministrativo

19 settembre, 17:10

(ANSAmed) - ROMA, 19 SET - In Serbia il movimento di estrema destra 'Dveri' ha presentato oggi alla procura una denuncia penale contro la premier Aba Brnabic, accusata di aver autorizzato l'Europride di sabato scorso a Belgrado in violazione del divieto del corteo stabilito dal Tribunale amministrativo.

La vicepresidente di 'Dveri' Radmila Vesic afferma che la premier ha violato "la costituzione, le leggi, le decisioni delle istituzioni statali, la volontà della maggioranza della popolazione e la posizione della Chiesa ortodossa serba", rendendosi per questo responsabile di abuso d'ufficio.

In una situazione di grande confusione e incertezza, sabato la premier Brnabic - che è lesbica dichiarata - a fronte del divieto imposto dal ministro dell'Interno, Aleksandar Vulin, e del no del Tribunale amministrativo al ricorso presentato dagli organizzatori, aveva alla fine autorizzato il corteo arcobaleno, che si era tenuto tuttavia in presenza di un massiccio schieramento di polizia e lungo un percorso abbreviato e modificato rispetto a quello originario proposto dall'organizzazione.

Parlando ai giornalisti, Vasic ha detto che si è trattato di una 'capitolazione dello stato' sotto le pressioni di autorità straniere e ambasciatori. Si è di fronte, ha affermato, a una inammissibile ingerenza negli affari interni della Serbia, con il comportamento non diplomatico dei rappresentanti Ue e dell'ambasciatore Usa a Belgrado, Christopher Hill.

L'ultimo bilancio fornito dal ministro dell'interno Vulin sugli scontri e incidenti a margine dell'Europride è di 13 poliziotti feriti e 87 fermati. "La decisione di non consentire il corteo è stata attuata, hanno marciato per appena 150 metri dalla Corte costituzionale al parco Tasmajdan", ha detto il ministro. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati