Siria: Borrell annuncia, dall'Ue 1,5 miliardi di euro aiuti

Conferenza Donatori senza Mosca.'Con Assad niente ricostruzione'

10 maggio, 13:55

(ANSAmed) - BRUXELLES, 10 MAG - "Sono lieto di annunciare oggi un ulteriore impegno di 1 miliardo di euro per l'anno solare 2022: questo porterà il nostro contributo cumulato a più di 1,5 miliardi di euro", perché "l'anno scorso la Commissione Europea si è impegnata a stanziare 560 milioni di euro per il 2022 per contribuire agli aiuti in Siria". Quindi, "per il 2023 l'Unione Europea fornirà lo stesso sostegno finanziario: 1,56 miliardi di euro. Questo finanziamento sarà a beneficio dei siriani in Siria, a beneficio dei rifugiati e delle comunità che li ospitano nella regione": lo ha detto l'Alto rappresentante per la politica estera Ue Josep Borrell in occasione della Conferenza dei donatori, alla quale non è stata invitata la Russia.

"Mentre la guerra infuria in Ucraina, il conflitto in Siria sta entrando nel suo dodicesimo anno. Dobbiamo assicurarci di non dimenticare il popolo siriano e di continuare a spingere per una Siria pacifica", ha detto Borrell "Non finanzieremo la ricostruzione in Siria finché non ci sarà una vera transizione dei poteri", ha aggiunto Borrell.

"Sosteniamo gli sforzi dell'Onu per creare una spinta alle riforme politiche, questo non è il tempo per normalizzare le relazioni con il regime siriano. Nell'interesse stesso dei cittadini siriani, bisogna mantenere la pressione sul regime di Assad". Quanto alla Russia, "non è stata invitata perché invitiamo quei partner che hanno un interesse genuino a contribuire alla pace nel mondo e Mosca, con l'invasione in Ucraina, ha mostrato che non ha interesse alla pace nel mondo: l'Ue, insieme ad altri partner, continuerà nella sua politica di escludere la Russia dai consessi internazionali". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati