Migranti: Ue, 'Italia sotto pressione', +82% arrivi nel 2021

Nei primi 9 mesi sbarcati in 41mila, metà di questi dalla Libia

29 settembre, 17:04

(ANSAmed) - BRUXELLES, 29 SET - Il Mediterraneo centrale ha registrato l'aumento più elevato (+82%) di tutte le rotte verso l'Ue nel 2021 rispetto al 2020. Si legge in una relazione pubblicata dalla Commissione europea. "E se il numero totale di arrivi a Malta nel 2021 è stato di 470 (con un calo del 78% rispetto allo stesso periodo del 2020), c'è stato un forte aumento degli arrivi in Italia, pari a oltre 41mila in totale, quasi la metà dei quali dalla Libia", afferma il documento.

"Anche la migrazione dalla Tunisia rimane elevata rispetto agli anni precedenti, rappresentando quasi il 40% dei migranti irregolari arrivati in Italia finora quest'anno. Un'altra tendenza significativa è l'aumento dei numeri che arrivano con imbarcazioni proprie in Italia, rispetto agli sbarchi a seguito di ricerche e soccorsi", si spiega nel documento. "L'Italia è il Paese che ha visto un aumento significativo - ha dichiarato la commissaria Ue agli Affari interni, Ylva Johansson - e questo la pone sotto pressione, con arrivi principalmente da Libia, Tunisia e Turchia". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo