Tunisia: Saied contro osservatori stranieri a referendum

Consultazione su nuova costituzione il 25 luglio

13 maggio, 10:09

(ANSAmed) - TUNISI, 13 MAG - Il presidente tunisino Kais Saied si è detto contrario alla presenza di osservatori stranieri durante il referendum sulla Costituzione in programma il 25 luglio prossimo.

"Alcune parti straniere vorrebbero inviare osservatori per monitorare lo svolgimento del referendum, ma la Tunisia non è un Paese colonizzato. Quelle stesse parti supervisionarono elezioni falsificate ai tempi di Ben Ali e si congratularono con lui", ha detto Saied durante la cerimonia di giuramento dei nuovi membri della Commissione elettorale indipendente.

Il presidente tunisino ha detto che la scelta dei nuovi membri dell'Alta Autorità per le elezioni (Isie) "è stata fatta sulla base di competenza e lealtà". I sette nuovi membri hanno prestato giuramento ieri davanti a Saied, che ha definito questo evento "storico" poiché ha visto "la nascita di un organismo elettorale indipendente, lontano da angusti interessi politici".

Il presidente ha invitato i nuovi membri, che ha chiamato "i garanti del corretto svolgimento del referendum del 25 luglio 2022 e i custodi della volontà del popolo", a lavorare "in piena neutralità affinché le prossime elezioni rispecchino la volontà del popolo sovrano". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati