Energia: Bertschy, margine di crescita per eolico in Vda

"Aumentare utilizzo fonti rinnovabili in nuova strategia"

Redazione ANSA AOSTA
(ANSA) - AOSTA, 27 MAG - "La Valle d'Aosta sviluppa attraverso il Piano energetico ambientale regionale la sua strategia energetica. La produzione da fonti rinnovabili è dovuta per oltre il 98% dall'idroelettrico, per lo 0,8% dal fotovoltaico e per l'1% da fonte eolica; il 37% dell'energia che produciamo la consumiamo, il resto la esportiamo. L'attuale Piano prevedeva di produrre almeno 8 mega watt derivanti dall'eolico per avere una produzione di 14 gigawatt all'anno: il parco di Saint-Denis ha dato una spinta importante, ma ci si è fermati per ora a 2,5 megawatt. C'è quindi un margine di crescita". Lo ha detto l'assessore Luigi Bertschy rispondendo in aula ad un'interpellanza sulla promozione di fonti rinnovabili e risparmio energetico presentata dalla lega Vda.

"Però - ha aggiunto - un conto è la stima, un conto è l'aspetto pratico, in quanto la nostra capacità di produrre energia eolica è legata anche alle forti limitazioni a livello ambientale".

Inoltre "entro la fine dell'anno dovremo definire il nostro prossimo Piano energetico regionale e dovremo essere bravi a sostenere attraverso un sistema di incentivazione, con fondi europei, nazionali e regionali, soprattutto in termini di ricerca e di sviluppo. Lo sviluppo della strategia energetica vedrà nel programma Fossil fuel free 2040 un forte coinvolgimento di tutti gli attori e di tanti settori. Bisognerà fare passi decisivi in avanti: nella strategia si cercherà di inserire più progetti per aumentare l'utilizzo di fonti rinnovabili e per utilizzare al meglio quello che il nostro territorio può mettere a disposizione".

Christian Ganis (Lega Vda) ha replicato: "Nella costruzione di un parco eolico non sempre si può stimare l'intensità del vento e quindi la resa, ma oggi la tecnologia ci viene in aiuto: ci sono nuovi generatori così come ci sono progetti in fase di sperimentazione, anche da parte di aziende italiane. Il nostro compito è quello di programmare al meglio gli investimenti futuri: le fonti alternative rappresentano il futuro, sta a noi svilupparle a favore delle nuove generazioni, sapendo che la Regione ha come traguardo il carbon free". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie