Mercato green attrae investitori stranieri in Cina

Enorme sviluppo dei veicoli a nuova energia nel Paese

ANSA-XINHUA SHENYANG

L'enorme mercato cinese dei veicoli a nuova energia (NEV) ha attirato l'attenzione degli investitori stranieri per i continui sforzi del Paese volti alla riduzione delle emissioni di carbonio.
    ZF Electric Mobility Technologies (Shenyang) Co, una filiale di ZF Friedrichshafen AG, fornitore leader di componenti automobilistici con sede in Germania, giovedì ha annunciato il lancio di un nuovo progetto a Shenyang, capoluogo della provincia di Liaoning nella Cina nord-orientale, compiendo un passo da gigante verso l'elettrificazione esclusiva dei veicoli.
    I prodotti di questo nuovo progetto, che include tecnologie elettriche di base come i propulsori per veicoli completamente elettrici e i più recenti motopropulsori, saranno utilizzati da importanti piattaforme NEV in loco e all'estero.
    Dopo l'avvio, si stima che il progetto genererà circa 2 miliardi di yuan (circa 305,24 milioni di dollari) di vendite annuali per l'azienda.
    Holger Klein, un membro del consiglio di amministrazione di ZF Friedrichshafen AG, ha dichiarato che "l'elettrificazione è una tendenza irreversibile a livello mondiale", e ha citato la leadership della Cina nel portare avanti lo sviluppo dei NEV.
    La Cina ha promesso di raggiungere il picco di emissioni di anidride carbonica entro il 2030 e di ridurle a zero prima del 2060. Per raggiungere quest'obiettivo, il Paese sta intensificando gli sforzi per rendere più ecologico il mercato automobilistico interno, dato che questo settore risulta un grande produttore di emissioni. Negli ultimi anni, il governo cinese ha lanciato più di 60 politiche e misure di sostegno per migliorare lo sviluppo dell'industria NEV e incoraggiare i cittadini ad acquistare veicoli elettrici, ottenendo risultati positivi e suscitando l'entusiasmo della gente.
    Gli ultimi dati forniti da un'associazione di settore mostrano che le vendite di NEV sono aumentate del 584,7%, con 110.000 unità vendute a febbraio, mentre la produzione e l'esportazione di questi veicoli hanno continuato a stabilire nuovi record, mantenendo una portata relativamente ampia nello stesso periodo. La Cina vanta la maggiore disponibilità di NEV al mondo, costituendo il 55% delle vendite globali. Secondo un piano di sviluppo pubblicato dal Consiglio di Stato, entro il 2035 le automobili del trasporto pubblico saranno esclusivamente elettriche e tale scelta comporta un enorme potenziale di crescita nel mercato mondiale di autovetture. Per salire a bordo del treno veloce dello sviluppo ecologico, sempre più produttori di veicoli elettrici d'oltremare stanno mettendo radici in Cina.
    Un tempo principale fornitore di componenti per motori a combustione, ZF ha deciso di sfruttare il mercato delle nuove energie dopo aver visto prospettive rosee in Cina.
    Definendo il picco delle emissioni di carbonio e la carbon neutrality un "obiettivo ambizioso", Klein ha dichiarato che l'azienda non si risparmierà per rispettare il proposito stabilito e fornirà ingranaggi high-tech per generare energia rinnovabile. Il funzionario ha inoltre aggiunto che l'azienda ha una chiara tabella di marcia verso la neutralità del clima e sta gradualmente trasformando il suo impatto ambientale in modo da raggiungere la neutralità entro il 2040.
    Nel frattempo, anche gli investimenti esteri hanno dato impulso a questo mercato emergente. La casa automobilistica tedesca BMW nel 2019 ha annunciato che avrebbe aumentato gli investimenti a Shenyang di 3 miliardi di euro (circa 3,57 miliardi di dollari) per espandere la produzione e aggiornare la linea di prodotti volti a creare un ecosistema NEV completamente nuovo. Nel 2020, il colosso automobilistico ha presentato un nuovo modello, la BMW iX3, il primo veicolo del marchio completamente elettrico prodotto a Shenyang. Inoltre in Cina è stato istituito il primo centro per la produzione di batterie ad alto voltaggio di quinta generazione. Jochen Goller, presidente e amministratore delegato di BMW Cina, ha spiegato che il fatto che il Paese goda di una "posizione da leader nell'elettrificazione e nella digitalizzazione" sta dimostrando la fiducia di BMW in uno sviluppo positivo e a lungo termine del mercato e ha aggiunto: "Stiamo costantemente aumentando i nostri investimenti in tal senso, accelerando la transizione dal 'Made in China' al 'Created in China'". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie