Formula E, team Mercedes EQ pronto alla 'sfida' a Roma

Novità su circuito dell'Eur, in pista dopo stop di 6 settimane

Redazione ANSA ROMA

Dopo una pausa di sei settimane dall'inizio della stagione a Diriyah, il team Mercedes-EQ Formula E torna in pista questo fine settimana per l'E-Prix di Roma.
    Come per l'apertura della stagione, il secondo weekend di gara del mondiale numero 7 consisterà in due gare (10 e 11 aprile).
    È la prima volta che la squadra disputa una gara nella capitale italiana. Il circuito dell'Eur è uno dei tracciati più lunghi del mondiale.
    È la terza volta dell'E-Prix di Roma, i primi due si sono svolti nel 2018 e nel 2019, e andrà in scena su un circuito cittadino modificato di 3.380 km con 19 curve che attraversano il campus dell'Esposizione Universale di Roma (Eur) Expo mondiale.
    Il Circuito dell'Eur mantiene le sue caratteristiche di mini montagne russe con una serie di cambi di pendenza e una superficie particolarmente irregolare. Allo stesso tempo, il nuovo layout della pista presenta rettilinei più lunghi e veloci, che dovrebbero offrire maggiori opportunità di sorpasso.
    Ci sono un paio di differenze nel programma tra sabato e domenica. Dopo il consueto shakedown di 15 minuti di venerdì sera, sabato mattina ci saranno due sessioni di prove libere prima delle qualifiche e la prima delle due gare (ora di inizio 16,04). Domenica ci sarà un solo turno di prove libere prima delle qualifiche, con la gara che inizierà alle 13,04.
    "Dopo aver atteso oltre un mese per un nuovo appuntamento della stagione, la squadra si prepara all'E-Prix di Roma, pronta ad affrontare il prossimo tracciato in calendario - ha detto Ian James - . La distanza temporale tra le gare ci ha dato l'opportunità di rivedere i nostri dati e prepararci per le difficili condizioni dell'E-Prix di Roma. Roma porterà nuove sfide e il tracciato è tipicamente un circuito di Formula E: sembra eccitante, è impegnativo per la macchina e ci vedrà tornare al centro di una delle più grandi città del mondo. È difficile dire cosa aspettarsi dai nostri competitor, ma sarà certamente una lotta serrata''. A fargli eco Nyck de Vries: "Finalmente, un altro weekend di gara. Dall'inizio della stagione, a Diriyah, abbiamo fatto tutto il possibile per essere preparati in modo ottimale per la gara di Roma. Penso che sarà una pista diversa da quelle su cui abbiamo corso di recente.
    Sembra un vero circuito di Formula E, ma nel centro cittadino: la diversa qualità della superficie e i cambi di pendenza renderanno una corsa insidiosa, quindi promette di essere una gara molto intensa e impegnativa. Ovviamente speriamo di essere competitivi come lo eravamo a Diriyah. È difficile prevedere cosa faranno i nostri avversari'.
    ''Sono davvero entusiasta di tornare a Roma, anche perché è passato molto tempo dall'ultima volta che abbiamo corso su un vero circuito cittadino - ha aggiunto Stoffel Vandoorne - .
    Ovviamente nel frattempo abbiamo avuto Berlino e Diriyah, ma hanno caratteristiche leggermente diverse dai veri circuiti cittadini come Roma. Quindi, è ancora più emozionante tornare su questo tipo di pista. Ho dei bei ricordi di Roma, dove ho conquistato il mio primo podio in Formula E, ed è una delle mie piste preferite. Tuttavia, il layout della pista quest'anno è un po' diverso da come era nella stagione 5. È anche molto impegnativo, con una superficie molto irregolare a giudicare dall'aspetto, ma questa è la Formula E''. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie