Gm richiama 7 milioni di auto nel mondo per airbag Takata

L'operazione costerà alla casa automobilistica 1,2 miliardi di dollari

Redazione ANSA

General Motors richiamerà 7 milioni di auto a livello globale per sostituire gli airbag Takata. L'operazione costerà alla casa automobilistica 1,2 miliardi di dollari. Le autorità americane hanno chiesto a Gm di richiamare 6 milioni di auto per gli airbag: un richiesta che il colosso di Detroit esaudirà pur ritenendo le auto sicure.

La National Highway Traffic Safety Administration ha respinto un appello presentato quattro anni fa da GM e ha concluso che la casa automobilistica "non ha sostenuto il suo onere di stabilire che il difetto è irrilevante per la sicurezza dei veicoli a motore". GM ha fatto sapere di non essere d'accordo con la decisione, ma "la rispetterà" e inizierà a prendere i passi necessari ".

GM richiamerà 5,9 milioni di veicoli negli Stati Uniti e un altro milione di veicoli all'estero. Il richiamo riguarda una dozzina di veicoli degli anni modello 2007-2014, tra cui la Chevrolet Silverado, la GMC Sierra e la GMC Yukon. L'analisi dell'agenzia "ha concluso che gli airbag GM in questione sono a rischio esplosione dopo l'esposizione a lungo termine a calore e umidità elevati, socì come altri airbag Takata richiamati".

L'agenzia ha dato a GM 30 giorni per stabilire un programma per la notifica ai proprietari di veicoli e la riparazione dei veicoli. NHTSA ha quantificato in 18 i morti negli Stati Uniti a causa di esplosioni di airbag Takata e altri 250 casi in cui le persone sono rimaste ferite. Sono stati richiamati circa 63 milioni di airbag.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie