Abarth, novità per celebrare 72mo compleanno dello Scorpione

Arricchimenti per 595, Turismo, Competizione ed Esseesse

Redazione ANSA ROMA

E' il 31 marzo del 1949 e l'ingegnere italo austriaco Carlo Abarth registra ufficialmente la costituzione della Abarth & C., un marchio che nei suoi 72 anni di vita si è concretizzato in un'autentica leggenda di modelli ad alte prestazioni declinata in vittorie sportive, in auto da record, in kit di elaborazione rivoluzionari, e soprattutto in entusiasmanti vetture di serie da usare in pista ma anche nella guida di ogni giorno.
    Da quel lontano 31 marzo Abarth s'identifica - nelle evoluzioni grafiche - nel simbolo dello Scorpione oggi conosciuto in tutto il mondo. Questo logo era stato scelto perché riproponeva il segno zodiacale del fondatore, nato il 18 novembre, ma anche perché incarnava perfettamente la filosofia della neonata scuderia specializzata in automobili 'piccole ma cattive'.
   

La storia di Abarth e del suo logo si snoda attraverso le vittorie sportive, e queste cominciarono subito. Prima fra tutte, nel 1950, la vittoria di categoria nella celebre cronoscalata Palermo-Monte Pellegrino dell'Abarth 204A guidata da Tazio Nuvolari, il 'mantovano volante', che al termine della sua carriera conquista il suo ultimo primo posto. E' proprio sulla scorta delle prime vittorie che, nel 1954, Carlo Abarth decise di arricchire il logo con l'introduzione di uno scudo bicolore, emblema delle vittorie sportive, che faceva da sfondo allo Scorpione.
    Nel 1962 la Abarth 1000 Bialbero si aggiudica il primo di sei Campionati Mondiali Marche consecutivi, e per celebrare questo importante titolo nel logo vennero inseriti tre nuovi elementi: una bandiera a scacchi bianca e nera, il testo in stampatello rosso su fondo giallo 'Campione del mondo' e una corona d'alloro stilizzata. Una versione aggiornata del logo arriva nel 1969 con lo Scorpione ancora più stilizzato, completamente nero e, per la prima volta, con entrambe le chele rivolte verso l'alto. La scritta è bianca su sfondo azzurro e presenta solo la dicitura Abarth.
    Nel 1971 Abarth viene acquisita da Fiat e, per sottolinearne l'italianità, nel logo compare il tricolore nello sfondo della scritta Abarth. Attualmente viene usato quello ridisegnato completamente nel 2007, un logo che accoglie tutti i tratti distintivi dello Scorpione proponendoli però in chiave decisamente più attualizzata e moderna.
    In occasione del 70mo anniversario di Abarth, nel 2019, il logo viene elaborato con una versione celebrativa dello scudo, caratterizzata da una bandiera a scacchi. Nello stesso anno nasce anche una versione celebrativa a colori, sviluppata solo per la 695 70mo Anniversario, una Limited Edition prodotta in soli 1949 esemplari, come l'anno di nascita del Brand.
    Ma c'è un logo che accompagna tutte le vetture Abarth, presente sulla parte posteriore delle due fiancate laterali: riprende lo scudo giallo e rosso con lo scorpione, ma è arricchito da una saetta tricolore. E' il tributo all'impegno di Abarth nelle gare, storicamente il banco di prova dove testare le soluzioni tecniche e tecnologiche innovative e di cui beneficiano le vetture di produzione. Un impegno nelle competizioni che continua tutt'oggi, sia in pista che sulle strade sterrate. In pista quale fornitore di motori dei Campionati Italiano e Tedesco di F4, la palestra dei campioni di F1 di domani. E nei rally, dove l'Abarth 124 rally sarà protagonista, per il terzo anno consecutivo, del FIA-ERC, il Campionato Europeo Rally.
    E sicuramente sono proprio i valori del racing, il confronto sportivo, la competizione e la ricerca continua della performance che i clienti Abarth vogliono e ritrovano nei modelli di produzione come testimoniato dal successo commerciale, che ha visto nel 2020 una crescita di quasi il 50% della quota di mercato dello Scorpione rispetto all'anno precedente.
    Per il suo 72mo compleanno Abarth ha appena lanciato la nuova gamma 2021 declinata nelle versioni 595, Turismo, Competizione ed Esseesse. Quattro proposte distinte, ma accomunate dalle peculiarità tipiche di questo brand, icona della sportività: il piacere di guida, le prestazioni 'adrenaliniche' e il sound dello scarico.
    Debuttano nuovi colori e nuovi dettagli, come gli esclusivi sedili anatomici in pelle. E per rendere omaggio ai successi nei rally della Fiat 131 Abarth Rally degli Anni '70, la nuova 595 Competizione ripropone dettagli che erano propri di quel modelli iconico, con il nuovo colore opaco Blu Rally, mentre i nuovi cerchi in lega da 17 pollici strizzano l'occhio a quelli della Lancia Delta Rally Integrale degli anni Novanta. Tutte le informazioni sulla gamma Abarth 2021 sono disponibili a questo link. E' festa anche per l'ampia community che da sempre è il cuore pulsante del brand, e che diventa protagonista di questa giornata speciale. Attraverso i canali social del brand, viene chiesto di interpretare il logo Abarth attraverso disegni, dipinti, e artwork in grado di rappresentare lo Scorpione nella sua essenza. I progetti selezionati diventeranno protagonisti dei profili social di Abarth. Inoltre, agli oltre 140.000 iscritti alla Scorpionship, Abarth dedica uno sconto valido per tutto il 2021 sull'acquisto del merchandising ufficiale sul nuovo e-store Abarth: https://abarthstore.com/
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie