Trovato un nuovo bersaglio nella lotta al glaucoma

Studio in laboratorio scopre un trattamento proteico

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Fa passi in avanti la ricerca nella lotta al glaucoma. Gli studiosi della Northwestern University sono stati infatti in grado di individuare nuovi bersagli terapeutici contro la malattia, compresa una sua forma grave pediatrica. Nelle persone che ne soffrono (60 milioni in tutto il pianeta), il fluido nell'occhio non viene drenato correttamente e aumenta la pressione sul nervo ottico, portando alla perdita della vista. Mentre ci sono alcuni trattamenti disponibili per il glaucoma "ad angolo aperto", la forma più comune di glaucoma negli adulti (colliri, farmaci orali, trattamenti laser), non ci sono cure per una forma grave di glaucoma nei bambini, il glaucoma congenito primario, che può essere trattato solo con la chirurgia.
    Utilizzando l'editing genetico, gli studiosi hanno sviluppato nuovi modelli di glaucoma nei topi che somigliavano al glaucoma congenito primario. Iniettando un nuovo trattamento proteico a lunga durata e non tossico (Hepta-Angpt1) i ricercatori sono stati in grado di sostituire la funzione dei geni che, quando mutati, causano la malattia. Grazie a questo trattamento si è anche impedita, con successo, la formazione della malattia.
    Questa stessa terapia, quando iniettata negli occhi di topi adulti sani, ha ridotto la pressione negli occhi: ciò può aprire la strada a una possibile nuova classe di terapia per la causa più comune di glaucoma negli adulti. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA