Ordine, sospensione ope legis per medici non vaccinati(2)

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 21 GIU - In relazione all'obbligo di vaccinazione anti-SARS-CoV-2 per tutti gli esercenti le professioni sanitarie, spiega la Fnomceo nella circolare inviata a tutti gli ordini territoriali, "introdotto dall'art.4 del DL n.44/2021, convertito in Legge n.76/2021, la Federazione è intervenuta presso il ministero della Salute per acquisire l'esatta interpretazione degli obblighi normativi" e il Ministero "ha definitivamente chiarito la natura della sospensione dall'esercizio professionale dei professionisti che non ottemperino all'obbligo vaccinale e i conseguenti provvedimenti che gli Ordini devono adottare". La legge, spiega la Fnomceo, "attribuisce dunque all'Azienda sanitaria l'accertamento della mancata osservanza dell'obbligo vaccinale dalla quale discende la sospensione ex lege dall'esercizio della professione sanitaria e dalla prestazione dell'attività lavorativa.
    L'accertamento viene comunicato dalla Asl all'interessato, al datore di lavoro e agli Ordini professionali perché ne prendano atto e adottino i provvedimenti e le misure di competenza". La sospensione è comunicata immediatamente all'interessato dall'Ordine professionale. Una volta ricevuto l'atto di accertamento della Asl, cioè, l'Ordine deve adottare tempestivamente una delibera di mera presa d'atto della sospensione del professionista. La conseguenza è dunque la sospensione temporanea dall'esercizio della professione fino all'assolvimento dell'obbligo vaccinale o comunque non oltre il 31 dicembre 2021.
    "Il vaccino - commenta Anelli - ha rappresentato per tutti i medici lo strumento migliore di protezione individuale abbattendo del 99% la mortalità da Covid e proteggendo da una parte i medici stessi nell'esercizio della loro professione e dall'altra i cittadini che loro si affidano. Quindi è giusto e doveroso che tutti in medici si vaccinino. Va detto chiaramente - conclude il presidente Fnomceo - che il vaccino è diventato oggi più che un obbligo il requisito stesso per poter svolgere la professione medica". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA