Iss,in Italia 1/o caso infezione da West Nile Virus del 2021

Confermato in Liguria,è il primo in tutta Europa da giugno a ora

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 LUG - Da giugno 2021, inizio della sorveglianza stagionale, è stato segnalato il primo caso umano di infezione da West Nile Virus manifestatosi in forma neuro-invasiva. Il caso è stato confermato in Liguria, nella Provincia di La Spezia, e rappresenta il primo segnalato quest'anno in Europa. Lo riferisce il primo bollettino 2021 della sorveglianza integrata del West Nile e Usutu virus, curato dal Dipartimento di Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità e dall'Istituto zooprofilattico sperimentale dell'Abruzzo e del Molise (Izs Teramo), aggiornato al 21 luglio.
    La febbre West Nile è provocata da un virus che ha come serbatoi uccelli e zanzare, le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione all'uomo. La maggior parte delle persone infette non mostra alcun sintomo. Fra i casi sintomatici, circa il 20% presenta sintomi leggeri come febbre, mal di testa, nausea, vomito, sfoghi cutanei. I sintomi più gravi si presentano in media in meno dell'1% delle persone infette, in genere anziani o soggetti debilitai, e comprendono febbre alta, forti mal di testa, debolezza muscolare, disorientamento, tremori, disturbi alla vista, torpore, convulsioni, fino alla paralisi e al coma.
    In Italia, la sorveglianza epidemiologica dei casi umani di malattia da virus West Nile è regolata dal Piano Nazionale di prevenzione, sorveglianza e risposta alle Arbovirosi (PNA) 2020-2025, e coordinata dall'Iss e dal ministero della Salute, i cui dati sono trasmessi alla Commissione europea e all'Ecdc. La sorveglianza veterinaria, si legge sul bollettino, ha confermato anche la circolazione del West Nile virus in un pool di zanzare catturate in Emilia-Romagna. Sono in corso di conferma positività rilevate in provincia di Bergamo, Bologna e Ferrara. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA