Fnomceo, straordinari medici 'regalati'? Realtà terribile

Anelli commenta lo studio Anaao-Assomed, 10mln ogni anno

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 30 LUG - Ammontano a "dieci milioni all'anno le ore di straordinario 'regalate' alle aziende" sanitarie "da parte dei medici". Questo risultato, che emerge da un sondaggio condotto da Anaao-Assomed, secondo il presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli "certifica senza ombra di dubbio quel disagio della Professione che, come Fnomceo, abbiamo voluto rappresentare con la 'Questione medica', chiedendo ascolto e coinvolgimento alla Politica e alle Istituzioni".
    "Purtroppo, i dati, pur così eclatanti, non ci sorprendono: era il 2018 quando, come 'regalo di Natale' presentammo al Governo di allora un assegno da mezzo miliardo di euro, il corrispettivo degli straordinari che i medici ospedalieri erano e sono costretti, ogni anno, ad effettuare oltre il tetto massimo, per poter continuare ad assistere tutti i pazienti nonostante la tragica carenza di personale. E una cambiale da un miliardo di euro: il credito che i medici vantavano per i mancati investimenti nel turnover - aggiunge Anelli - Ora, anche se le risorse impiegate in sanità sono aumentate, la pandemia ha aumentato drammaticamente i carichi di lavoro e di stress e il disagio dei professionisti è diventato insostenibile".
    Per il presidente di Fnomceo "la situazione è terribile.
    Conciliare vita lavorativa e privata diventa quasi impossibile; i medici si sentono in colpa se cadono malati, le colleghe procrastinano le maternità per non lasciare sguarniti i reparti.
    Tutto questo è peggiorato durante la pandemia, con specialisti che dovevano fronteggiare sia il Covid sia le normali patologie, nella stessa giornata; con turni anche di 24 ore, senza riposi settimanali". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA