Covid: chiuso reparto medicina coronavirus ospedale L'Aquila

Grassi, grazie a squadra straordinaria superate gravi difficoltà

Redazione ANSA L'AQUILA

(ANSA) - L'AQUILA, 17 GIU - Dopo l'ultima dimissione effettuata ieri, chiude oggi il reparto di medicina Covid dell'ospedale dell'Aquila diretto dal professor Davide Grassi: dall'ottobre 2020, quando è scoppiata l'emergenza in provincia dell'Aquila con un'impennata di contagi, nella struttura sono stati effettuati oltre 600 ricoveri. Nella medicina covid, dove a regime sono stati attivati fino a un massimo di 48 posti letto, hanno lavorato 10 medici e una trentina tra infermieri e Oss 'prestati" da altri reparti: ora gli spazi, nel cosiddetto Delta 7 riconsegnato lo scorso anno dopo l'intervento per riparare i danni del terremoto 2009, saranno sanificati per riaprire il reparto di medicina tradizionale. Come sottolinea il professor Grassi, "nella speranza che non ci sia una nuova ondata, si è pronti a riaprire il reparto se ci dovesse essere necessità". "Ringrazio la squadra - continua il medico - con cui ho lavorato in questi mesi molto difficili. Sono persone eccezionali che hanno formato un team vincente in grado di affrontare difficoltà ardue. Lo straordinario patrimonio umano e professionale ci ha permesso di dare una pronta risposta in condizioni drammatiche. La professionalità, l'umanità e la disponibilità come individui ci ha consentito di fare quello che abbiamo fatto. Ora che respiriamo e guardo indietro, mi rendo conto che è stata un'esperienza terribile, a tratti drammatica, che comunque abbiamo superato grazie al sacrificio e all'apporto di tutti. Fin dall'inizio siamo stati una squadra coesa e concentrata" conclude. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA