Ospedale Alessandria autorizzato al trapianto di microbiota

Primo Piemonte per trattare infezione da Clostridium Difficile

Redazione ANSA ALESSANDRIA

(ANSA) - ALESSANDRIA, 23 GIU - Il Centro nazionale trapianti ha autorizzato l'azienda ospedaliera di Alessandria - primo centro in Piemonte, settimo in Italia - al Programma nazionale sul Trapianto di microbiota fecale umano (Fmt) nel trattamento dell'infezione da Clostridium Difficile, batterio che può diventare responsabile di un temibile forma di colite. Il trattamento consiste nell'inserire la parte batterica vitale del materiale fecale di un donatore selezionato, estratta con un sofisticato processo di laboratorio, in corso di colonscopia tradizionale a un paziente ricevente.
    Il risultato è il frutto di un lavoro di squadra, che coinvolge gastroenterologia, microbiologia e la struttura dei laboratori di ricerca. L'unità di ricerca microbiota è stata istituita nel 2019, con obiettivo primario l'elaborazione e gestione di un programma finalizzato alla creazione di un centro di Fmt. Parallelamente intende sviluppare un'attività di ricerca sul microbiota, anche grazie alla collaborazione con l'Università del Piemonte Orientale, nell'ambito della linea 'Food and Health'. "Sono particolarmente lieto di un risultato così importante - sottolinea Valter Alpe, direttore generale dell'azienda ospedaliera di Alessandria - testimonianza diretta della traslazionalità della ricerca, che diventa pratica clinica. Ora l'ospedale ha un'arma terapeutica per una patologia diffusa e invalidante". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA