Tumori: parte da Alessandria studio su linfomi mantellari

Con 20 Centri soci Fil in Italia, coinvolti 56 pazienti

Redazione ANSA ALESSANDRIA

(ANSA) - ALESSANDRIA, 04 LUG - Ha preso il via dall'Azienda ospedaliera di Alessandria un progetto di ricerca sul linfoma mantellare, patologia piuttosto rara, che colpisce prevalentemente uomini con un'età media di 60 anni e di sesso maschile, promosso dalla Fondazione italiana linfomi, con sede nella cittadina piemontese e attiva dal 2010. Coordinatore Marco Ladetto, responsabile Ematologia. Circa 20 i Centri soci che partecipano, distribuiti su gran parte delle regioni italiane, coinvolti 56 pazienti.
    Nel 2021 l'ospedale di Alessandria ha gestito 7 nuove diagnosi. In particolare, Fil Column è rivolto ad affetti da linfoma mantellare recidivato (con ripresa della malattia dopo un'apparente guarigione) o refrattario (resistente ai farmaci utilizzati in precedenza) dopo un trattamento con medicinali biologici, inibitori della tirosino-chinasi di Bruton (Btk). Lo studio ha lo scopo di indagare l'efficacia del farmaco loncastuximab tesirine, come terapia di consolidamento dopo un breve trattamento chemio-immunoterapico con R-Bac. Le ricerche sul farmaco, iniziate per la prima volta nel 2016, hanno dimostrato ottimi risultati di efficacia e sicurezza nei linfomi non-Hodgkin e nel mantellare. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA