Tumori: sindaco Lo Russo in visita all'Istituto di Candiolo

"Una vera eccellenza in ambito di cura e ricerca"

Redazione ANSA CANDIOLO

(ANSA) - CANDIOLO, 20 LUG - Il sindaco di Torino e della Città metropolitana, Stefano Lo Russo, ha visitato l'Istituto di Candiolo-Irccs (Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico). Accolto dalla presidente della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, Allegra Agnelli, il sindaco ha visto i laboratori di ricerca e gli spazi dedicati alla cura dove lavorano circa 800 persone tra medici, ricercatori, infermieri e personale amministrativo.
    Eccellenza del territorio, l'Istituto di Candiolo è stato realizzato e vive esclusivamente grazie alle donazioni di privati cittadini e aziende e al supporto di enti e istituzioni.
    "E' un onore per me - ha affermato Allegra Agnelli - ricevere il sindaco di Torino e della Città Metropolitana. Il Comune è costantemente vicino alle nostre attività e ci supporta ogni giorno. Il legame con il territorio, infatti, è il motore che spinge da sempre Candiolo. Abbiamo da poco iniziato i lavori di sviluppo dell'Istituto per creare nuovi spazi per curare sempre più persone e farlo sempre meglio, e, oggi più che mai, abbiamo bisogno del supporto di tutti per raggiungere nuovi e importanti traguardi".
    Sui suoi canali social Lo Russo ha scritto: "Ho visitato la Fondazione del Piemonte per l'Oncologia - Istituto di Candiolo insieme ad Allegra Agnelli, presidente della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro. Con le sue tecnologie d'avanguardia, l'Istituto è una vera eccellenza in ambito di cura e ricerca nel campo dell'oncologia, fonte di orgoglio per tutto il nostro territorio. La componente umana è però ciò che maggiormente identifica l'Istituto: i pazienti sono posti al centro di un percorso di cura, intesa non soltanto come trattamento clinico, ma anche e soprattutto come profonda attenzione alle esigenze di ciascuna persona. Una visita emozionante, che mi ha molto colpito. Grazie a tutti i ricercatori che con competenza e passione ogni giorno lavorano per trovare le cure migliori e a tutti coloro che da oltre 35 anni con il loro sostegno e le donazioni permettono tutto questo". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA