>>>ANSA/Tokyo: Cantarella,colpa di Pericle idea donne inferiori

'Pandora era infelicità uomo, ma lo sport da antichità emancipa'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Tutta colpa di Pandora. E dell'antica Grecia. Dalle Olimpiadi antiche vietate alle donne a quelle di Tokyo all'insegna della parità di genere, la storia insegna che lo sport emancipa. L'ultimo libro di Eva Cantarella, docente universitaria e studiosa del mondo classico, si intitola proprio cosi': 'Protagoniste: l'emancipazione femminile attraverso lo sport', e racconta il cammino delle donne dall'antichita' al XX secolo. "La notizia che le Olimpiadi di Tokyo saranno quelle della parità di genere mi affascina: le guardero' con un occhio piu' attento", dice all'ANSA.
    "Delle protagoniste dell'emancipazione femminile nella storia sappiamo tutto, ma di quelle dello sport no - spiega - E invece le sportive hanno avuto una parte fondamentale nel superamento dell'idea che le donne fossero geneticamente inferiori".
    Un'idea, ammette non senza dolore la grecista Cantarella, che si deve alla cultura di Pericle e della culla dell'umanita'. "Non v'è alcun dubbio: all'antica Grecia dobbiamo larga parte della nostra civilità, ma anche la teorizzazione dell'inferiorita' esistenziale delle donne. Basta pensare al mito di Pandora: e' parallelo a quello di Eva, ma mentre la protagonista della Bibbia nasce dalla costola dell'uomo ed e' suo compagna, quella del mito greco e' stata appositamente mandata sulla terra per rendere infelice l'uomo". Basta leggere Senofonte, aggiunge Cantarella, che insegna a Milano ed e' stata visitor Professor a New York. "Nell' 'Economico', il suo ritratto di donna ideale è chiaro: deve fare ciò che per lei e' naturale, generare figli e averne cura. Ad altro non può aspirare". Di qui l'idea che le donne non siano competitive. "In alcune città le ragazze correvano non per vincere ma come rito di passaggio, per divenire donne da marito. A Olimpia invece erano bandite, ma il mito - svela - racconta di un'Olimpiade parallela, le Eriadi, varate da Ippodamia moglie del fondatore. Lì le donne gareggiavano, vincevano e dedicavano la corona alla statuta di Era". Ma da quell'idea, nacque la scelta di De Coubertin di escludere le donne dai Giochi. "Penso che oggi il fondatore dei Giochi moderni si rivolterebbe nella tomba", ironizza Cantarella. Ammirata dalle sportive che hanno lottato per l'emancipazione. "Ci sono vere e proprie pioniere, come Alfonsina Strada, prima donna a competere con gli uomioni nel ciclismo, o Alice Milliat, che ottenne l'ammissione dell'atletica femminile ad Amsterdam '28".
    Oggi, la parita' sembra raggiunta. "In poco più di un secolo, l'Occidente ha ottenuto una conquista straordinaria: la parità rende felici non solo le donne, ma anche gli uomini. Penso a quella parte di mondo che non puo' vivere questa felicità, dove la religione gioca un ruolo fondamentale. E' stato cosi' anche per noi, con i padri della Chiesa che parlavano della donna come 'porta del Diavolo'". Ma Pandora non gareggia più, e Eva Cantarella assicura: "Queste Olimpiadi, sì che le seguirò" (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA