Ecdc, autunno a rischio per i Paesi con pochi vaccinati

Ciclo completato per il 75% della popolazione in soli tre Stati

Redazione ANSA BRUXELLES

Da qui a novembre c'è un alto rischio di aumento di contagi e morti per i Paesi europei che non hanno ancora raggiunto una copertura vaccinale Covid-19 sufficientemente elevata nella loro popolazione totale. E' il messaggio della nuova valutazione del rischio Covid del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

La circolazione del virus, è l'analisi dell'Ecdc, è molto elevata. Finora soltanto il 61% della popolazione totale in Europa (Ue e Spazio economico europeo) è stato completamente vaccinato e solo tre Paesi (Malta, Portogallo e Islanda) hanno vaccinato più del 75% della loro popolazione totale.

Nei prossimi mesi verranno segnalate percentuali maggiori di casi di Covid tra i bambini. E' quanto emerge dalla valutazione dell'Ecdc. "Interventi come il distanziamento, prevenire gli assembramenti, l'igiene e una migliore ventilazione rimarranno essenziali per prevenire la trasmissione negli ambienti scolastici", si legge nel documento. 

Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, la vaccinazione contro l'influenza stagionale, in particolare per soggetti vulnerabili e operatori sanitari, "sarà fondamentale per attenuare nei prossimi mesi l'impatto sulle persone e sui sistemi sanitari della potenziale co-circolazione dei due virus". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA