Antartide, la nave rompighiaccio Laura Bassi verso la Nuova Zelanda

Per partecipare alla campagna scientifica

Redazione ANSA TRIESTE

La rompighiaccio Laura Bassi, di proprietà dell'Istituto nazionale di Oceanografia e di geofisica sperimentale (Ogs), è partita da Ravenna, dove ha completato le fasi di caricazione delle strumentazioni scientifiche e dei materiali, in vista della nuova campagna scientifica del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra).

"La nave ha effettuato a metà settembre la sua prima campagna scientifica in Artico ed è ora pronta per partecipare alla prossima spedizione italiana in Antartide - spiega Franco Coren, direttore del Centro gestione infrastrutture navali di Ogs - la rompighiaccio seguirà la rotta di minore distanza passando attraverso il canale di Suez, costeggiando lo Sri Lanka e successivamente il sud dell'Australia fino ad arrivare, dopo 42 giorni di navigazione, a Lyttelton, in Nuova Zelanda".

La Laura Bassi parteciperà alla 37/a campagna antartica del Pnra, finanziata dal Ministero dell'Università e Ricerca e gestita dall'Enea per la pianificazione e l'organizzazione logistica, e dal Cnr per la programmazione e il coordinamento scientifico.

Quella di Ogs - spiega una nota - è oggi l'unica nave italiana rompighiaccio per la ricerca oceanografica e al momento anche la prima e unica nave battente bandiera italiana in assoluto in grado di operare in mari polari, sia in Antartide sia in Artico, conforme alle nuove regole internazionali per l'accesso delle navi alle aree polari ('Polar Code'). 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA