Rinnovo contratto per 16mila impiegati agricoli, +2% aumento

Cia, potrà attrarre più imprese

Redazione ANSA ROMA

E' stato siglato il rinnovo del Ccnl Impiegati agricoli, scaduto nel dicembre 2019, con un aumento del 2% a partire dal 1 luglio 2021. A sottoscrivere l'accordo che interessa 16 mila persone, sono tutte le parti sociali.

Nonostante il rallentamento delle trattative per la pandemia, le associazioni dei datori e dei lavoratori nel mondo agricolo sono infatti riuscite a garantire un contratto adeguato a chi svolge attività fondamentali a supporto degli imprenditori. Lo fa sapere Cia-Agricoltori Italiani, secondo la quale l'esito positivo del negoziato è di grande importanza, trattandosi del rinnovo di uno dei due principali contratti del comparto, in rappresentanza del 3% dei lavoratori del settore agricolo.

In uno scenario in cui, da una parte, si registra l'assenza di strumenti normativi che disciplinano la flessibilità intrinseca nell'occupazione agricola e dall'altra, la presenza di una legislazione contro il lavoro irregolare sempre più stringente, Cia ritiene che questo contratto possa essere lo strumento utile a convogliare sia le esigenze di lavoratori e imprese. Il rinnovo del Ccnl potrà, dunque, avere la capacità di attrarre sempre di più le imprese agricole, considerando che in questi ultimi di 10 anni l'occupazione agricola ha mantenuto i suoi livelli, senza subire traumi, registrando piccoli, ma significativi trend di crescita. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie