Le mostre del week end tra femminicidio, migranti e fragilità

Ultimi giorni per Dear You del MAMbo, l'arte per corrispondenza

di Marzia Apice ROMA

ROMA - Mentre l'Italia assume per la quasi totalità il colore arancione data la diffusione ancora alta dei contagi, sono poche le regioni in cui le mostre possono essere visitate in presenza. Restano ovviamente però anche gli appuntamenti in digitale e quelli visitabili all'aperto.

ROMA - Inaugurata alla Biblioteca Vallicelliana nella data simbolo dell'8 marzo, l'installazione di Emanuela Mastria "Il fazzoletto di Desdemona" resterà fruibile fino al 21 aprile nel salone Borromini. Inserita nella rassegna Opera 00|20 a cura di Paola Paesano, l'installazione è composta da cento elementi scultorei fluttuanti di porcellana bianca attraverso i quali l'artista affronta il tema del femminicidio. Ogni scultura è realizzata con una particolare lavorazione che prevede l'impressione di merletti e raffigura un fazzoletto da donna con le iniziali, scritte in rosso, della persona a cui è dedicato.

"A quel paese" è il titolo della prima retrospettiva in Italia dell'artista Rogelio López Cuenca, a cura di Anna Cestelli Guidi, realizzata dalla Real Academia de España en Roma e Acción Cultural Española AC/E, in collaborazione con la Fondazione Baruchello. La mostra, in programma dal 12 marzo al 13 giugno in 3 sedi (negli spazi dell'Accademia di Spagna sul Gianicolo, alla Fondazione Baruchello e in alcuni spazi pubblici della città di Roma) illustra temi quali il viaggio, le politiche migratorie, la memoria storica, la speculazione urbana e la spettacolarizzazione della cultura in funzione del turismo attraverso pitture, installazioni, video, testi editoriali.

Al Maxxi sono tre le mostre in arrivo il 10 marzo: fino al 17 ottobre, "Aldo Rossi. L'architetto e le città", a cura di Alberto Ferlenga, retrospettiva che documenta il contributo teorico e pratico di un "architetto anomalo", attraverso materiali provenienti, oltre che dall'archivio del MAXXI Architettura, da archivi e collezioni di tutto il mondo, tra cui i disegni, i progetti, gli scritti e una sequenza di modelli.

Fino al 2 maggio, "Ciao da Roma" di Navin Rawanchaikul, a cura di Hou Hanru con Donatella Saroli, sul dialogo tra Bollywood e la periferia romana, la diaspora e l'integrazione culturale attraverso un imponente olio su tela che entrerà a far parte della Collezione del museo. Infine, nell'ambito del Premio Graziadei per la Fotografia, in mostra negli spazi del Centro Archivi MAXXI Architettura, i lavori realizzati da Rachele Maistrello e Alba Zari, giovani fotografe che riflettono sul tema dell'archivio e della memoria (a cura di Simona Antonacci, fino all'11 aprile).

BOLOGNA - C'è tempo fino al 14 marzo per aderire a "Dear You", il progetto del MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, a cura di Caterina Molteni, ideato per raggiungere il pubblico attraverso la corrispondenza postale in questo periodo di chiusura forzata. Grazie al progetto chiunque si registrerà riceverà a casa sei opere di artisti internazionali: Hamja Ahsan (Londra, 1981), Giulia Crispiani (Ancona, 1986), Dora García (Valladolid, 1965), Allison Grimaldi Donahue (Middletown, 1984), David Horvitz (Los Angeles, 1982) e Ingo Niermann (Biefeled, 1969). Per ogni iscrizione, è prevista la spedizione di sei lettere, una per artista coinvolto, contenenti un'opera in forma di lettera e un testo di accompagnamento sul progetto. Sarà inviata una lettera ogni 2 settimane, indicativamente fino a maggio, ed è incluso nell'iscrizione un biglietto d'accesso alle collezioni del MAMbo del quale usufruire entro il 2021.

PALERMO - E' stata prorogata fino al 30 aprile la mostra "Heroes - Bowie By Sukita", allestita a Palazzo Sant'Elia: cento scatti e un'installazione video raccontano il mondo creativo di David Bowie seguendo lo sguardo del fotografo Masayoshi Sukita. La mostra testimonia il lungo rapporto, professionale e personale, tra la rockstar e il maestro giapponese.

MILANO - A Building Box arriva la terza artista del progetto espositivo annuale "La forma dell'oro", a cura di Melania Rossi. Dal 10 marzo all'8 aprile, l'artista romana presenta "Allunati #19", installazione visibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7 dalla vetrina di via Monte di Pietà 23. Nell'opera site specific si osserva un'immagine in bilico tra identificazione immediata (un uomo nell'atto di camminare, proprio come ci si trova a fare davanti alla vetrina) e sovrapposizione di ricordi visivi dati dal collage di fotografie del suolo lunare divulgate dalla Nasa.

ONLINE - Un racconto tra Italia e Malesia dedicato al concetto di fragilità nella produzione artistica contemporanea: prende il via il 10 marzo "Fragilità", progetto espositivo ideato e prodotto da particle in collaborazione con Fondazione ICA di Milano, a cura di Alberto Salvadori, Luigi Fassi e Lim Wei Ling. La mostra, in cui le dimensioni fisica e digitale si completano e integrano in una realtà "phygital", prevede il coinvolgimento di otto artisti, quattro italiani e quattro malesi: Anida Yoeu Ali, Riccardo Benassi, Anurendra Jegadeva, Masbedo, Maria D. Rapicavoli, Wong Chee Meng, Francesco Simeti, Rajinder Singh. Al momento il progetto è fruibile solo virtualmente all'indirizzo particle.art/fragilita, mentre il percorso in presenza a Kuala Lumpur è stato sospeso a causa dell'emergenza sanitaria.

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it
  • Errore 404 - Pagina non trovata

Errore 404 - Pagina non trovata

La cause per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono principalmente le seguenti:

  • un URL digitato male;
  • un segnalibro/bookmark datato;
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca;
  • un link interno interotto sfuggito al webmaster.

Se vuoi segnalare il problema scrivici. Grazie



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie