Le mostre del week end, da Horst e Model a Boccioni

A Biella il Giappone interpretato da Amato, Maraini e Cavagna

di Marzia Apice ROMA

ROMA - Porte finalmente aperte nei musei, che nelle regioni italiane (ormai quasi tutte) classificate gialle hanno potuto accogliere nuovamente il pubblico in presenza e nel rispetto delle norme sanitarie. ROMA - "Colori dei romani. I mosaici delle collezioni capitoline" è la mostra in programma alla Centrale Montemartini dal 27 aprile al 15 settembre: grazie a un'ampia selezione di mosaici poco conosciuti al grande pubblico, posti accanto ad affreschi e sculture, la mostra permette di conoscere più da vicino la società romana nel periodo compreso tra il I secolo a.C. e il IV d.C.. Due le mostre aperte dal 27 aprile al Museo di Roma in Trastevere, "Chiamala Roma. Fotografie di Sandro Becchetti 1968-2013" e "Luciano D'Alessandro. L'ultimo idealista", entrambe allestite fino al 5 settembre. Nella prima la Capitale emerge con tutte le sue contraddizioni grazie allo sguardo attento di Becchetti che offre la propria personale poetica rivisitazione della città soffermandosi su dettagli e particolari che la rendono unica. La seconda riunisce oltre 100 scatti realizzati in 60 anni di ricerca dal fotografo D'Alessandro nell'ambito del reportage sociale, tra cui l'inchiesta su "Gli Esclusi" (1965-67) - il primo vero documento sulla condizione silenziosa dei malati mentali - e le fotografie di "Dentro le case" (1977) e "Dentro il lavoro" (1979) realizzate con Gianni Berengo Gardin. Dal 27 aprile riapre a Palazzo della Cancelleria "Leonardo da Vinci. Il Genio e le Invenzioni - Le Grandi Macchine interattive": oltre a svelare la sorprendente inventiva di Leonardo attraverso le vere macchine tratte dai codici vinciani, la mostra propone a grandi e piccoli la divertente Caccia al tesoro, in cui ogni partecipante potrà scegliere il percorso che preferisce, cosa visitare e quanto soffermarsi su un monumento o su una piazza.
    ROVIGO - A Palazzo Roverella dal 26 aprile al 4 luglio "Vedere la musica. Arte dal Simbolismo alle avanguardie", a cura di Paolo Bolpagni: il progetto approfondisce relazioni, intrecci e corrispondenze tra la musica e le arti visive, dalla stagione simbolista fino agli anni Trenta del Novecento, proponendo esempi emblematici sia in ambito musicale che in quello artistico.
    TORINO - A Camera Centro Italiano per la Fotografia dal 28 aprile si inaugurano due personali, dedicate ai fotografi Horst P. Horst (a cura di Giangavino Pazzola) e Lisette Model (a cura di Monica Poggi) e in programma fino al 4 luglio: la mostra sul fotografo tedesco segue un percorso cronologico nel quale 120 fotografie documentano alcuni temi per lui fondamentali, dall'influenza della cultura classica all'indagine visiva sull'armonia della figura umana fino alla collaborazione con Vogue. La personale di Model, prima antologica allestita in Italia, racconta in 100 foto lo stile dell'artista, la sua capacità di rendere ogni soggetto ritratto il protagonista di un'irriverente commedia umana attraverso l'attenzione alle imperfezioni del corpo, alla gestualità sguaiata, agli abiti appariscenti.
    BIELLA - Si intitola "In Giappone la bellezza è iniziatica" il progetto di BI-BOx - APS (a cura di Irene Finiguerra e realizzato in collaborazione con l'associazione StileLibero) che riunisce ben tre mostre, tutte allestite dal 29 aprile al 23 maggio a Palazzo Ferrero, per indagare, attraverso tre autori distinti, il concetto di estetica applicato al mondo giapponese.
    Fotomontaggi che sono la fusione di paesaggi contemporanei con immagini d'archivio, stampati su carta tradizionale washi, compongono "La Luna e il bambù" di Olmo Amato, mostra che rivela un Giappone dal sapore tradizionale, lontano dai grattacieli e dalla tecnologia. In "Endocosmo Maraini" le 40 immagini esposte costituiscono il racconto dell'esperienza vissuta in Giappone da Fosco Maraini, grande viaggiatore, etnologo, antropologo, fotografo, narratore, professore, orientalista, alpinista.
    Infine la mostra "Iris. Inverno (e poi sarà di nuovo primavera)" che raccoglie opere inedite di Michela Cavagna, in cui l'artista rende omaggio alla cultura giapponese.
    MILANO - La Galleria Bottegantica presenta dal 30 aprile al 30 giugno "Il giovane Boccioni", a cura di Virginia Baradel che mette al centro la fase giovanile e formativa dell'artista calabrese. Nella mostra, in cui sono esposte opere eseguite tra il 1901 e il 1909, particolare attenzione è rivolta alla produzione grafica, vero laboratorio di sperimentazione per Boccioni, influenzato dalle diverse correnti figurative europee e interessato alla tradizione classica e rinascimentale. (ANSA).
   

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it
  • Errore 404 - Pagina non trovata

Errore 404 - Pagina non trovata

La cause per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono principalmente le seguenti:

  • un URL digitato male;
  • un segnalibro/bookmark datato;
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca;
  • un link interno interotto sfuggito al webmaster.

Se vuoi segnalare il problema scrivici. Grazie



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie