A Favignana canti della mattanza nella ex Tonnara Florio

La prima volta dopo la chiusura dello stabilimento nel 1981

Redazione ANSA FAVIGNANA

FAVIGNANA - Canti propiziatori per una buona mattanza: 'Ajamola', 'Gnansù' e poi 'Lina Lina'. Canti di preghiera con contenuti religiosi e profani insieme che venivano eseguiti dai tonnaroti e dal rais prima della caccia ai tonni.
    Musiche e parole antiche oramai scomparsi che, per una sera, sono tornati a dare 'voce' e respiro all'ex stabilimento Florio di Favignana. È successo per la prima volta nella storia dopo la chiusura delle attività della tonnara avvenuta nel 1981, grazie al progetto "Canti del mare: mattanze" che il Conservatorio di musica "Antonio Scontrino" di Trapani ha portato in scena ieri sera negli ambienti della 'trizzana' a quattro porte dell'ex stabilimento, tra reti e 'vascelli'.
    Un progetto, quello del Conservatorio, finalizzato alla riappropriazione delle tradizioni musicali del Trapanese, anche nella loro riproposta in forme attuali: "È stato concepito per restituire identità e memoria al mondo del mare catturando in una dimensione magico-evocativa pubblico e interpreti" spiega Consuelo Giglio del Conservatorio.
    Con le musiche di Alberto Favara e i canti rielaborati da Mario Modestini, il 'Modern ensemble' del Conservatorio (diretto da Simone Veccia) e il coro formato da quattro studenti (Antonino Arcilesi, Aurora Baiamonte, Martina Saviano, Anna Maria Sotgiu), hanno fatto rivivere i tempi d'oro delle mattanze nello spettacolo con la regia firmata da Betty Lo Sciuto. In mezzo gli audio originali con le voci di tonnaroti e rais che l'etnomusicologa Giuseppina Colicci raccolse in presa diretta durante la mattanza nella vicina Bonagia nel 2002. In prima fila, tra gli altri, l'ultimo rais di Favignana, Salvatore Spataro, e Maria Guccione, storica e profonda conoscitrice dell'isola e delle tradizioni. (ANSA).
   

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it

Errore 404

  • Errore 404 - Pagina non trovata

Errore 404 - Pagina non trovata

La cause per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono principalmente le seguenti:

  • un URL digitato male;
  • un segnalibro/bookmark datato;
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca;
  • un link interno interotto sfuggito al webmaster.

Se vuoi segnalare il problema scrivici. Grazie



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie