Torna fiera tecnologica Las Vegas, 5G e AI in primo piano

Pandemia spinge su telemedicina e realtà virtuale per la scuola

di Antonino Caffo ROMA

(ANSA) - ROMA, 09 GEN - Le reti più veloci 5G, l'Intelligenza Artificiale, la telemedicina, la realtà virtuale applicata alla scuola, l'intrattenimento. In un anno segnato dalla pandemia sono questi i trend che si delineano al Consumer Elecronic Show (Ces) di Las Vegas la più grande fiera tecnologica al mondo che per l'edizione 2021 sarà completamente online, dall'11 al 14 gennaio, per via del Covid-19.

Una delle principali novità del Ces riguarda l'Intelligenza artificiale all'interno dei tanti oggetti di uso quotidiano, notoriamente 'passivi'. Amazon lancerà al grande pubblico, entro il primo semestre di quest'anno, il suo Loop, un anello che interagisce con l'utente tramite voce e l'assistente Alexa. Xiaomi mette invece in campo Smart Clock, una sveglia che mostra informazioni rilevanti durante la giornata.

Insieme all'Intelligenza artificiale (AI), le compagnie che terranno banco al Ces non potranno che scommettere sul 5G, ossia su hardware e app in grado di sfruttarlo per offrire nuovi servizi, impensabili con il solo 4G. E l'appuntamento online "Il primo anno del 5G: dall'intuizione all'innovazione" del 13 gennaio, mira proprio a fare il punto sullo standard, con un aggiornamento sulle ricerche che mostrano l'attuale assenza di conseguenze sulla salute. Alla fiera di Las Vegas non mancheranno le riflessioni sul rapporto tra tecnologia e pandemia. Proprio il 5G sarà catalizzatore di un nuovo modo di inviare e ricevere dati nel rapporto medico-paziente, eliminando la necessità di spostarsi da casa periodicamente, anche in caso di nuove criticità.

Stando al rapporto 'TMT Predictions 2021' di Deloitte, infatti, il 5% di tutte le visite mediche al mondo sarà svolto in remoto nei prossimi mesi, tramite videochiamate e incontri solo audio. Nel 2021 sarà di oltre 33 miliardi di dollari l'introito per la vendita di dispositivi indossabili a scopo di monitoraggio medico, principalmente smartwatch e smartband, un aumento di quasi il 20% rispetto al 2019. Infine, il panel 'Come la tecnologia può ridurre le disparità di salute' (il 13 gennaio) esaminerà proprio l'innovazione quale vettore di assistenza paritaria, che ha assunto significato ancora maggiore a seguito del Covid-19.

Un altro settore che ha dovuto adattarsi rapidamente allo scenario dei mesi scorsi è quello dell'istruzione. Il Ces è il luogo dove scoprire le soluzioni basate su realtà virtuale e mista pensate per la scuola. Molte più famiglie verranno incentivate a dotarsi di visori VR e AR per beneficiare di un nuovo livello di interazione durante le lezioni anche se un ruolo fondamentale sarà giocato dai contributi all'acquisto di hardware e software e dallo sviluppo di piattaforme idonee.

Infine, al Ces non manca l'intrattenimento puro - altra costante in questi lunghi mesi casalinghi - focalizzato sulla tecnologia 8K. Samsung ha svelato le sue innovazioni in termini di Neo Qled e MicroLed ed è evidente che il resto della concorrenza, tra cui LG e Sony, non resterà a guardare. Certo, ad oggi sono pochi i contenuti in 8K ma quando finalmente arriveranno, gli acquirenti saranno pronti. Altre tendenze che varcheranno le porte del Consumer Electronic Show riguardano la mobilità elettrica (+753% in Italia secondo i dati Unrae a fine 2020), l'automazione sul posto di lavoro (magazzini ma anche software intelligenti per professionisti) e sistemi di protezione informatica per le smart city, che dovranno affrontare le sfide di sicurezza del prossimo decennio.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA