Al lavoro nei dehors, ristoranti pronti alla riapertura

.Sollievo per ritorno clienti, ma perdite sono molto pesanti

(ANSA) - TORINO, 23 APR - Ultimi giorni di preparativi per la riapertura, da lunedì, con il Piemonte tornato in giallo.
    Ristoranti, trattorie e pizzerie a Torino stanno allestendo i dehors, non solo per i pranzi, ma anche la sera, fino alle 22.
    Per la cena è un ritorno con il servizio ai tavoli dopo 6 mesi.
    "Finalmente - dice, tirando un sospiro di sollievo, il titolare di un ristorante in piazza Vittorio - Anche se non possiamo dirci soddisfatti al 100%, visto che il coprifuoco rimane. Ma comunque con l'arrivo della bella stagione queste riapertura ci voleva".
    "Avevamo paura che a differenza dell'anno scorso questa volta non ci avrebbero fatto aprire - sostiene una donna mentre prepara i tavoli di una pizzeria - Sarà difficile recuperare le perdite di quest'anno anche perché con l'asporto non siamo riusciti a tamponare il danno. Però penso positivo". Fiducioso anche Massimiliano Brunetto del Vitel Etonnè: "Siamo pronti per riaprire e speriamo che duri fino all'estate".
    Nel quartiere Vanchiglia, uno dei luoghi della movida torinese, i locali stanno preparandosi al tanto atteso lunedì, tre giorni per pulire e sanificare anche se qualcuno sottolinea che non sarebbe stato male "partire già da questo weekend".
    "Siamo sempre stati attenti affinché non ci fossero assembramenti e abbiamo sempre seguito attentamente le norme anti Covid spiegano da due locali di via San Francesco da Paola - eppure ci hanno chiuso e siamo quelli che hanno pagato di più la pandemia".
    Non mancano le critiche al governo Draghi. "Il governo guidato da Conte comunicava, spiegava, riuscivi a capire i prossimi passi meglio qui - è l'osservazione di un ristoratore - la sensazione che il governo Draghi navighi a vista. E questo non è certo bene per noi ma per noi. Mentre le istituzioni locali in fondo ci hanno dato una mano al meno per quanto riguarda il suolo pubblico".
    I ristoratori non dimenticano gli investimenti fatti, già un anno fa, per la sicurezza e la sanificazione dei locali. Come lo chef Fabio Montagna, di Osteria Bacalhau, locale noto per i suoi piatti con il pregiato merluzzo islandese. E' stata riallestita Fermata Bacalhau, l'ampio dehors inaugurato la scorsa estate dove un tempo c'era la fermata del tram, con 50 posti (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie