8 marzo: le imprese femminili a Roma sono 102.589

Bando "Idea Innovativa",10 le imprese premiate e due le menzioni

(ANSA) - ROMA, 08 MAR - Al 31 dicembre 2020, le imprese femminili a Roma e provincia, sono 102.589 (nel Lazio sono 145.178). Imprese che scelgono, quale loro principale settore di elezione, il terziario: quasi 3 imprese "rosa" su 4 si concentrano, infatti, nelle attività dei Servizi, in particolare nel "Commercio" (27,1%) seguito, a distanza, da "Alloggio e ristorazione" (10,2%).
    Queste imprese sono, in misura crescente, rivolte all'innovazione, come dimostra il fatto che la quota di start-up innovative femminili sul totale delle start-up è superiore rispetto al resto d'Italia: 13,8% contro 12,3%.
    E oggi dieci imprese (più due menzioni speciali) sono state premiate dalla Camera di Commercio di Roma per aver vinto le edizioni 2019 e 2020 del bando "Premio Idea Innovativa".
    Un'iniziativa che sostiene progetti d'impresa volti allo sviluppo del tessuto economico e sociale del territorio e le migliori idee tese a creare nuove soluzioni per lo svolgimento dell'attività aziendale. I progetti imprenditoriali premiati spaziano da settori strategici come la moda, il turismo e l'agroalimentare, ad ambiti in forte espansione come il commercio online e il coworking.
    "Fra il 2015 e il 2019 - spiega Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma - le imprese femminili a Roma hanno conosciuto una crescita molto importante, con un aumento di oltre 7.300 imprese registrate e un aumento del tasso di femminilizzazione dal 20,2 al 20,6. Poi, è purtroppo arrivata la pandemia e si è registrato un calo delle imprese in rosa nella Capitale come in tutto il Paese e dei 440mila posti di lavoro persi in Italia nel 2020, 312mila sono femminili. Siamo sicuri, tuttavia, che si tratti di un arresto momentaneo dovuto alla drammaticità dell'attuale congiuntura. Promuovere l'imprenditorialità femminile è una priorità e significa, anche e prima di tutto, promuovere il valore del fare impresa.
    La Camera di Commercio di Roma ha sempre assicurato un forte impegno su questo fronte, specie attraverso una serie di misure finalizzate ad affiancare concretamente le aziende esistenti e accompagnare la difficile fase dello start-up aziendale. E questo impegno - conclude Tagliavanti - non solo non verrà meno, ma verrà intensificato".
    "Il sistema camerale - afferma Valeria Giaccari, Presidente del Comitato per l'imprenditorialità femminile della Camera di Commercio di Roma - investe da molti anni per favorire la crescita delle imprese femminili, anche attraverso la rete dei suoi Comitati, presenti in tutte le Istituzioni camerali. E lo fa aiutando le tante donne che fanno impresa a compiere i passi giusti per avere spazio e successo nel mercato del lavoro. Le iniziative del nostro Comitato, che ho l'onore di presiedere, sono appunto finalizzate ad aiutare il consolidamento e la crescita delle attività imprenditoriali delle donne, soprattutto in tempi così difficili a causa dell'emergenza sanitaria.
    Ringrazio, dunque, tutte le imprenditrici che hanno partecipato negli anni al nostro bando "Premio Idea Innovativa" e oggi mi congratulo, in particolare, con le vincitrici delle edizioni 2019 e 2020 che hanno elaborato progetti davvero interessanti e innovativi. Non c'è dubbio - conclude Giaccari - che le donne rappresentano, assieme ai giovani, una delle componenti su cui puntare, nel nostro territorio come in tutto il Paese, per ritornare con decisione su un percorso di crescita".
    Questi le vincitrici dell'edizione 2019 del bando "Premio Idea Innovativa": Silvia Sarra per il progetto "Orax", Laila Hafiz per il progetto "Italian Modest Fashion", Sabrina Todaro per il progetto "Coworking +", Anna Benini per il progetto "Invecchiamento attivo", Emanuela Censi per il progetto "La bottega telematica del miele e non solo…". Due le menzioni speciali assegnate: Anna D'Anzi per il progetto "Sustainable fashion must be glam!" e Sara Consilia Papavero per il progetto "W.E. - Healt".
    Le aziende premiate per l'edizione 2020 del bando sono state quelle di: Chiara Turchetta per il progetto "Tangible Plus", Giuditta Mosca per il progetto "Monte Mario Store", Francesca Rizzo per il progetto "You Intown", Veronica Bancalà per il progetto "Gust'osa" e Delia Dimauro per il progetto "Digitalizzazione dei processi con Suitecrm". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie