PMI

Lavoro: per la Basilicata sono in arrivo "buone notizie"

Le previsioni diffuse dalla Camera di Commercio lucana

(ANSA) - POTENZA, 14 GIU - Per il mercato del lavoro in Basilicata sono in arrivo "buone notizie": tra giugno e agosto le aziende lucane prevedono di assumere oltre diecimila persone e nel solo mese di giugno sono previste 4.300 entrate, con una variazione di + 1.650 unità rispetto al mese di giugno 2020 ma soprattutto un + 550 rispetto al giugno del 2019, nel pre-pandemia. Lo mette in evidenza il bollettino mensile del Sistema Informativo Excelsior, che - secondo quanto reso noto dall'ufficio stampa dell'ente camerale lucano - fornisce "indicazioni tempestive a supporto delle politiche attive del lavoro grazie alla rete delle Camere di Commercio che indagano mensilmente i fabbisogni delle imprese territoriali".
    Nel comunicato è specificato che "come era prevedibile, essendo all'inizio della stagione estiva, il turismo traina questo rimbalzo seguito dai comparti costruzioni, commercio e servizi alle persone e alle aziende. Gli stessi settori, in proiezione, sono quelli più ricettivi anche nel trimestre giugno-agosto 2021.
    2.650 nuovi ingressi a giugno andranno dunque a collocarsi nel settore dei servizi mentre 1.650 andranno ad ingrossare le fila dei lavoratori nell'industria. Nel 28% dei casi le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel 72% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita). Rispetto alle classi dimensionali, il 73% delle entrate interesserà le imprese con meno di 50 dipendenti. Un nuovo ingresso su tre, inoltre, interesserà giovani con meno di 30 anni".
    Rispetto alle professioni ricercate, "nonostante continuino a prevalere operai specializzati e conduttori di impianti (45%), cresce fino al 27% la quota di professioni commerciali e dei servizi, mentre restano molto basse le quote di 'dirigenti, specialisti e tecnici' (8%) e di impiegati (7%). Resta infine alta la richiesta di competenze: nel 72% delle entrate viene richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie