Sicilia
  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. Mafia: procuratore De Luca, resta sempre pericolosa

Mafia: procuratore De Luca, resta sempre pericolosa

Falcone e Borsellino erano magistrati un passo avanti agli altri

(ANSA) - CALTANISSETTA, 17 MAG - "Oggi il rischio è quello di pensare che se la mafia non uccide più non è pericolosa come un tempo. Ma non è così. Se si lasciano tre "scassapagliari" liberi di fare, in un anno e mezzo avranno creato un'associazione, solitamente mediante il metodo delle estorsioni, e in tre anni avremo un nuovo mandamento". Lo ha detto il procuratore capo di Caltanissetta Salvatore De Luca nel corso dell'evento organizzato dall'Ansa L'eredità di Falcone e Borsellino che si è svolto nella sede della Fondazione di Banca Sicana, nell'ex palazzo delle Poste, dove è stata allestita anche la mostra fotografica che potrà essere visitata dagli studenti delle scuole nissene. Nel dibattito, moderato dal caporedattore di Ansa Sicilia Franco Nuccio e che è stato preceduto dai saluti del presidente della Banca Sicana Giuseppe Di Forti, del prefetto Chiara Armenia e del sindaco di Caltanissetta Roberto Gambino, è intervenuto anche il consigliere di Corte d'Appello Giovanbattista Tona. "Falcone e Borsellino - ha ricordato De Luca - erano due magistrati un passo avanti agli altri. Il metodo Falcone ha fatto sì che dopo le stragi, l'Italia divenisse punto di riferimento per il contrasto alle mafie in tutto il mondo, proprio perché era un metodo all'avanguardia. Io ero appena entrato in magistratura quando li conobbi e purtroppo poi, proprio per via delle stragi, non ho avuto più la fortuna e l'onore di lavorare con loro".
  "La vicenda delle indagini sulle stragi - ha aggiunto Tona - va anche compresa nella sua enormità. E' enorme il flusso di dati e anche di dati potenzialmente inquinanti che si sono abbattuti sulle autorità investigative e giudiziarie. Al di là del depistaggio, voluto o subito, va tenuta presente l'oggettiva complessità e difficoltà di gestire un flusso di suggestioni che hanno inondato la materia delle stragi e hanno inondato i fascicoli giudiziari. Dal '94 in poi nei vari faldoni troviamo tanti tentativi di depistaggio. Noto, con un certo rammarico, come se di questo dato di complessità non si tenesse conto".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie